Memoria secondaria

La memoria secondaria del computer è una memoria informatica destinata alla registrazione dei dati. Un elaboratore elettronico è caratterizzato dalla presenza di una memoria primaria e da una memoria secondaria. Nella memoria primaria ( memoria centrale ) sono mantenuti soltanto i dati in corso di elaborazione da parte della CPU. La memoria primaria è caratterizzata da elevata velocità di accesso ma anche da una capacità di memorizzazione molto limitata. Per elaborare grandi quantità di dati un computer utilizza un'apposita memoria, detta memoria secondaria. La memoria secondaria è anche conosciuta come memoria ausiliaria o memoria di massa. Rispetto alla memoria primaria, la memoria secondaria è caratterizzata da elevata capacità di memorizzazione e da un'inferiore velocità di accesso. Quando il computer deve elaborare i dati contenuti nella memoria secondaria, li carica in memoria primaria ( memoria centrale ) e li elabora con il microprocessore ( CPU ). Esistono diverse tipologie di memorie secondarie ( scheda perforata, nastro perforato, nastro magnetico, floppy disk, hard disk ( disco fisso ), cd-rom, dvd-rom, memoria flash, ecc. ).

  • SCHEDA PERFORATAScheda perforata. È la prima memoria secondaria nella storia dell'informatica. I dati sono registrati mediante perforazione su supporti di cartone ( schede ) dalle macchine perforatrici e caricate in memoria da dispositivi di lettura delle schede perforate.
  • NASTRO PERFORATONastro perforato. Il nastro perforato è un altra tipologia di memoria secondaria dei computer di prima generazione. È un supporto fisico di memorizzazione simile alle schede perforate. I dati sono registrati sotto forma di fori su un nastro di carta.
  • NASTRO MAGNETICONastro magnetico. Il nastro magnetico è una tipologia di memoria secondaria dei computer di seconda generazione. I dati sono registrati sulle bobine di nastri in forma magnetica. Appartengono a questa categoria le memorie a nastro dei mainframe degli anni '60-70. Negli anni '80-'90 il nastro magnetico è utilizzato prevalentemente come supporto di memoria esterna di sicurezza per le operazioni di back-up dei dati dei mainframe.
  • Cassetta a nastro magnetico. Appartengono a questa categoria di supporto a nastro magnetico le piccole ed economiche audiocassette magnetiche dei primi microcomputer degli anni '70-'80 e le medio-grandi cassette di back-up dei dati dei minicomputer negli anni '90.
  • FLOPPY DISKFloppy disk. Il floppy disk è un supporto di memoria esterna basato sulla magnetizzazione dei settori di un disco. Si diffonde negli anni '70- '80 sui personal computer e sugli home computer in varie forme e dimensioni. È caratterizzato da una maggiore standardizzazione e facilità di utilizzo rispetto al nastro magnetico. Un floppy disk può memorizzare diverse centinaia di migliaia di caratteri ( byte ). Il floppy disk dei personal computer può registrare, circa un milione di caratteri, da 720 KB ( 0,72 MB ) a 1,44 MB.
  • HARD DISKHard disk ( disco fisso ). L'hard disk consiste in un supporto magnetico installato all'interno del computer. I dati sono registrati in forma magnetica su un insieme di dischi rigidi. Per questa ragione l'hard disk è conosciuto anche come disco rigido. L'hard disk ha una capacità di memorizzazione superiore rispetto ai floppy disk. Inoltre, non è removibile ( disco fisso ). La capacità di memoria di un hard disk può variare da poche centinaia di megabyte ( anni '90 ) a varie centinaia di gigabyte ( anni 2000 ).
  • CD-ROMCd-rom. Il cd-rom è un dispositivo di memoria secondaria in cui i dati sono memorizzati in forma ottica tramite l'utilizzo della tecnologia laser. Il dispositivo ha una forma circolare ( disco ). Il laser incide sulla superficie del disco i bit dei dati, i quali possono essere caricati nella memoria centrale del computer tramite un apposito dispositivo di lettura, detto lettore cd-rom. Il dispositivo di scrittura è detto masterizzatore cd-rom. Il cd-rom ha dimensioni poco più grandi rispetto a un floppy ma possiede una capacità di memorizzazione notevolmente superiore. Un cd-rom standard ha una capacità dati di 650 MB ( Mega Byte ) pari all'incirca a 450 floppy disk da 1,44 MB. Il cd-rom è, inoltre, un dispositivo di memoria portatile.
  • Dvd-rom. Il dvd-rom è un supporto di memoria secondaria di tipo ottico. È l'evoluzione del cd-rom, di cui conserva le dimensioni e la forma a disco. In un dvd-rom i dati sono incisi sulla superficie tramite un raggio laser in grado di modificare la riflettività, riproducendo una sequenza di bit ( 0 / 1 ). La capacità di memorizzazione di un dvd-rom è notevolmente superiore rispetto a un cd-rom. Un dvd-rom a singolo strato e lato unico ( DVD-1 ) può registrare 1,4 GB ( Giga Byte ) pari quasi a tre cd-rom.
  • Memoria flash ( memoria a stato solido ). La memoria flash è un supporto di memoria secondaria basata sulla tecnologia dei transistor a effetto di campo. Questi dispositivi sono in grado di mantenere una carica elettrica per lungo tempo, consentendo la registrazione permanente dei dati ( bit ) anche in assenza di alimentazione elettrica. Le memorie flash hanno una capacità di memoria pari o superiore a quelle dei dvd-rom. Sono caratterizzate da dimensioni molto contenute e non richiedono dispositivi di lettura. Per caricare i dati in memoria è sufficiente utilizzare una porta USB del computer. Le memorie flash si diffondono nel corso degli anni duemila come supporti di memoria dei dispositivi elettronici mobile ( fotocamere digitali, palmari, cellulari ) e come supporto di memoria secondaria per computer ( pendrive, chiavette, memory card, schede di memoria ).

https://www.okpedia.it/memoria_secondaria



Memoria ( computer )