Effetto di reddito

L'effetto di reddito è la variazione del potere di acquisto del consumatore che segue una variazione di prezzo di un bene. Quando il prezzo del bene aumenta, si riduce il reddito reale ( potere di acquisto ) del consumatore. Viceversa, quando si riduce il prezzo del bene, aumenta il reddito reale del consumatore ossia la quantità che il consumatore può acquistare. L'effetto di reddito, insieme all'effetto di sostituzione, è uno degli effetti che seguono una variazione di prezzo. Ad esempio, dati due beni X1 e X2, una riduzione del prezzo PX1 modifica il prezzo relativo tra i beni PX2 / PX1. Il nuovo rapporto di prezzi tra i beni ( prezzi relativi ) spinge il consumatore ad aumentare le quantità acquistate del bene X1. Questo effetto viene detto effetto di sostituzione ed è rappresentato graficamente da una variazione di inclinazione della retta di bilancio. La scelta ottimale si sposta dal punto di equilibrio iniziale A al punto di equilibrio temporaneo B sulla stessa curva di indifferenza.

EFFETTO DI REDDITO

L'effetto di sostituzione non è però l'unico effetto economico a manifestarsi dopo la variazione del prezzo del bene X1. La riduzione del prezzo del bene X1, oltre a modificare i prezzi relativi, aumenta anche il reddito reale del consumatore ( effetto di reddito ) ossia il suo potere di acquisto. Dato un reddito nominale R, la riduzione di PX1 aumenta il reddito reale del consumatore R / P. La variazione del reddito reale del consumatore sposta il suo vincolo di bilancio verso l'esterno. Avendo un potere di acquisto maggiore, il consumatore può utilizzarlo non solo per acquistare più unità del bene il cui prezzo si è ridotto ( X1) ma anche più unità dell'altro bene ( X2 ) il cui prezzo è rimasto costante. Sommando l'effetto di sostituzione con l'effetto di reddito la scelta di consumo si sposta dal punto di equilibrio temporaneo B al punto di equilibrio finale C andando a collocarsi su una curva di indifferenza più esterna ossia migliore dal punto di vista del benessere del consumatore. In conclusione, l'effetto di reddito è la variazione della domanda di un bene che si ottiene, a prezzi relativi costanti, a seguito di una variazione del potere di acquisto del consumatore. L'effetto di reddito può essere negativo o positivo.

  • Effetto di reddito negativo. L'effetto di reddito è negativo quando la domanda è correlata negativamente al prezzo. Ad esempio, l'aumento di prezzo del bene X1 determina la riduzione della quantità domandata dello stesso. In tali casi la domanda del bene si riduce sia per effetto della variazione dei prezzi relativi ( effetto di sostituzione ) e sia perché l'aumento di prezzo del bene in questione riduce indirettamente anche il potere di acquisto del consumatore ( effetto di reddito ).
  • Effetto di reddito positivo. L'effetto di reddito è positivo quando la domanda è correlata positivamente al prezzo del bene. Ad esempio, l'aumento di prezzo del bene X1 determina l'aumento della quantità domandata del bene X1 ( bene inferiore ). L'incremento di prezzo del bene ne riduce la domanda per l'effetto di sostituzione. Tuttavia, essendo il bene X1 un bene inferiore, la sua domanda viene aumentata dalla riduzione del potere di acquisto ( reddito reale ) del consumatore.
    • Beni di Giffen. I beni di Giffen sono un caso particolare di effetto di reddito positivo. Nel caso dei beni di Giffen l'effetto di reddito è positivo ed è anche maggiore al valore assoluto dell'effetto di sostituzione ( paradosso di Giffen ).

L'effetto di sostituzione prende in considerazione soltanto la variazione dei prezzi relativi a parità di benessere del consumatore. Come si può notare il passaggio dal punto A al punto B consiste in uno spostamento sulla stessa curva di indifferenza ossia a parità di benessere. Viceversa, l'effetto di reddito prende in conto soltanto l'effetto della variazione del potere di acquisto derivante dalla riduzione del prezzo del bene X1. Come si può notare, dopo l'effetto di reddito la scelta del consumatore cade su una curva di indifferenza più esterna ossia ad un maggiore livello di benessere. Ciò è dovuto all'aumento del potere di acquisto del consumatore che gli consente di acquistare una maggiore quantità di entrambi i beni a parità di reddito nominale R.

Differenza reddito nominale e reale. È opportuno ricordare la differenza tra reddito nominale e reddito reale. Il reddito nominale è il reddito monetario ossia la quantità di denaro che il consumatore ha a disposizione ( es. 1000 euro di stipendio ) per i propri acquisti. Il reddito reale è, invece, determinato dal rapporto tra il reddito nominale e il livello dei prezzi ( potere di acquisto ).

https://www.okpedia.it/effetto_di_reddito



Domanda

Domanda aggregata


Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.