OKPEDIA IMPRENDITORE

Scelte dell'imprenditore

La scelte dell'imprenditore nell'attività d'impresa Un imprenditore combina i fattori produttivi per ottenere un determinato obiettivo in termini di produttività, di efficienza e/o di profitto. A seconda degli obiettivi dell'impresa e delle sue strategie, l'imprenditore si trova dinnanzi a una particolare funzione da massimizzare. Nel caso classico di un'impresa con fini di lucro, l'obiettivo dell'imprenditore consiste nella massimizzazione del profitto. Dovrà pertanto operare le scelte idonee per ottenere il più alto livello di profitto possibile. Tuttavia, il profitto non è sempre l'unico obiettivo. Ad esempio, nel settore no-profit l'obiettivo dell'imprenditore è la massimizzazione della produzione. In alcuni casi anche l'impresa con fini di lucro può perseguire obiettivi diversi dal profitto, ad esempio l'imprenditore potrebbe essere più interessato ad espandere la propria quota di mercato locale, per contrastare l'ingresso di nuovi competitor, al punto da essere disposto a rinunciare a una parte del profitto. Qualunque sia l'obiettivo, l'imprenditore è chiamato a compiere delle scelte in termini di qualità e di quantità. Le principali scelte dell'imprenditore sono le seguenti:

  • Cosa produrre. Un imprenditore deve decidere quale prodotto produrre. È la prima scelta dell'imprenditore Sulla base di una previsione della domanda di mercato futuro, l'imprenditore organizza un piano di produzione per essere in grado di soddisfarla nell'immediato futuro. Poiché tra l'inizio e la fine di un ciclo produttivo si frappone un lasso di tempo di durata variabile, l'imprenditore non avrà mai la certezza di aver basato la propria scelta su una previsione di mercato valida sulle preferenze della clientela ( target ). È quindi una scelta caratterizzata da un elevato grado di rischio.
  • Quanto produrre. Dopo aver deciso cosa produrre, l'imprenditore deve decidere le quantità di prodotto da produrre ( volume di produzione ). È la seconda scelta dell'imprenditore Sulla base della tecnologia disponibile e delle previsioni di vendita, l'imprenditore decide il numero dei prodotti da produrre nel ciclo produttivo ( problema commerciale ). Oltre a non conoscere con esattezza la domanda di mercato, l'imprenditore non conosce i piani di produzione delle altre imprese competitor ( offerta ). Anche questa scelta implica, pertanto, un elevato grado di rischio.
  • Come produrre. Sulla base della quantità di prodotto da produrre e delle previsioni di vendita, l'imprenditore decide quale tecnologia utilizzare ( problema tecnico ) e la combinazione ottimale dei fattori produttivi. Dal modo di produzione deriva il costo di produzione unitario del prodotto e, indirettamente, la competitività dell'impresa sul mercato. Si tratta di una scelta di medio-lungo periodo che non può essere modificata facilmente. La scelta di una tecnologia è, invece, inibita nel breve periodo ed è assunta come costante. Per modificare la tecnologia e la tecnica produttiva l'imprenditore deve elaborare una previsione di vendita futura e investire per la realizzazione dei nuovi impianti. Tra la decisione di investimento e la realizzazione dell'impianto si frappone un lasso di tempo più o meno lungo.
https://www.okpedia.it/scelte_dell_imprenditore


Segnala un errore o invia un suggerimento per migliorare la pagina