OKPEDIA COSTO

Isocosto

Un isocosto è l'insieme delle combinazioni di due fattori produttivi che determinano lo stesso costo di produzione complessivo. Dati i prezzi dei fattori produttivi (w1/w2 ), l'isocosto della produzione individua le combinazioni acquistabili dei due fattori produttivi ( x1, x2 ) che consentono di mantenere costante il costo totale della produzione ( C ). L'equazione di isocosto può essere rappresentata graficamente sul piano cartesiano. Nei casi più semplici è solitamente una retta ( retta di isocosto ). Nei casi più complessi può anche assumere forme curve e non lineari ( curva di isocosto ). In una retta di isocosto il costo totale della produzione è costante al variare delle combinazioni delle quantità di utilizzo dei fattori produttivi. Le rette di isocosto più esterne sono associate a costi di produzione maggiori. Viceversa, quelle più interne sono associate a costi di produzione minori. Ad esempio, nel diagramma seguente sono rappresentate due rette di isocosto, la prima è associata al costo di produzione C e la seconda al costo di produzione C', dove C > C'.

ISOCOSTO

L'intercetta delle rette di isocosto sull'asse del diagramma è la quantità massima di impiego del fattore produttivo indicato nell'asse di riferimento. Ad esempio, dato un costo totale C e due fattori produttivi X1 e X2 con relativi costi pari a w1 e w2, l'intercetta sull'asse X1 è individuata dal rapporto C/w1 mentre l'intercetta sull'asse X2 è individuata dal rapporto C/w2. La pendenza della retta di isocosto è pari al valore assoluto del rapporto tra i costi dei fattori produttivi w1 / w2 ed è detta saggio marginale di trasformazione. Una famiglia di isocosti è un insieme di rette di isocosto associate ciascuna a un differente livello di costo totale.

https://www.okpedia.it/isocosto



note


Esempio di isocosto. Data una funzione di produzione con due fattori produttivi ( capitale e lavoro ) e dati i prezzi dei fattori produttivi ( pK=3, pL=2 ), le seguenti combinazioni di quantità dei fattori consentono di mantenere costante il costo totale della produzione. Sono pertanto delle combinazioni appartenenti al medesimo isocosto.

TABELLA ISOCOSTO

Ad esempio, due unità di capitale K e 0,5 unità di lavoro L ( mezza giornata di un lavoratore ) implicano per l'impresa un costo totale C pari a 7. Il costo del capitale CK è pari a (2·3=6) mentre il costo del lavoro CL è pari a (0,5·2=1) . Lo stesso costo totale ( C=7 ) si ottiene utilizzando un'unità di capitale ( K=1 ) e due unità di lavoro ( L=2 ). In questa seconda combinazione di fattori il costo del capitale CK è pari a (1·3=3) mentre il costo del lavoro CL è pari a (2·2=4). Sommando il costo del capitale CK e il costo del lavoro CL si ottiene un costo totale pari a sette (C=CK+CL=3+4=7).

Allocazione ottimale dei fattori produttivi. Le rette di isocosto sono un elemento fondamentale per individuare l'allocazione ottimale dei fattori produttivi nella produzione. L'equilibrio ottimale è determinato dall'uguaglianza del saggio marginale di trasformazione ( pendenza della retta di isocosto ) con il saggio marginale di sostituzione tecnica ( pendenza della curva di isoquanto ).

ALLOCAZIONE OTTIMALE DEI FATTORI


Costo


Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.