OKPEDIA COSTO MEDIO

Costo medio

Il costo medio ( Average Cost ) è il costo unitario della produzione. Il costo medio è determinato dal rapporto tra il costo totale ( C ) della produzione e la corrispondente quantità di unità prodotte ( Y ). Il costo medio indica il costo di ogni singola unità di prodotto.

La formula del costo medio

È possibile scrivere la formula del costo medio ( costo unitario ) nel seguente modo:

COSTO MEDIO FORMULA

Il costo totale ( C ) comprende sia i costi fissi che i costi variabili dela produzione. È pari alla somma dei costi fissi ( CF ) e dei costi variabili ( CV ) totali:

C = CF + CV

E' quindi possibile scomporre la variabile del costo totale ( C ) in costi fissi ( CF ) e costi variabili ( CV ) per riscrivere la formula del costo medio ( CU ) nel seguente modo:

COSTO MEDIO DISAGGREGATO IN <a href='/costi' _fcksavedurl='/costi' title='COSTI'>COSTI</a> FISSI E <a href='/costi' _fcksavedurl='/costi' title='COSTI'>COSTI</a> VARIABILI

La nuova rappresentazione formale del costo medio ci consente di analizzare nel dettaglio le sue componenti. La prima componente CF / Y misura i costi medi fissi mentre la seconda componente CV / Y misura i costi medi variabili.

  • Costi medi fissi ( Average Fixed Costs ). I costi medi fissi ( CUF ) si riducono progressivamente con la produzione in quanto il costo fisso ( CF ) viene diviso con una maggiore quantità di unità di prodotto ( CF / Y ). I costi medi fissi ( CUF ) tendono a zero al crescere dell'output. Ciò è spiegato dal fatto che un incremento della produzione ( ΔY ) causa soltanto l'incremento dei costi variabili ( ΔCV ) per il maggiore impiego dei fattori produttivi a parità di impianto ( costo fisso ).
    la curva dei costi medi fissi
  • Costi medi variabili ( Average Variable Costs ). I costi medi variabili ( CUV ) seguono l'andamento del costo variabile ( CV ). Nelle prime unità di produzione ( Y ) la produttività marginale è generalmente crescente, quindi l'incremento della produzione ( ΔY ) cresce in modo più che proporzionale all'impiego dei fattori ( ΔCV ). In questa fase i costi medi variabili ( CUV ) decrescono con l'aumento della produzione. Una volta oltrepassato un punto di minimo, la produttività marginale decrescente inverte questo fenomeno e i costi medi variabili iniziano a crescere con la produzione per effetto della legge dei rendimenti decrescenti. Ciò spiega anche la forma a U della curva del costo medio.
    la curva dei costi medi variabili

La curva del costo medio

Sommando il costo medio fisso ( CUF ) e il costo medio variabile ( CUV ) per ciascun livello della produzione ( Y ) si ottiene la curva del costo medio ( CU ) o curva del costo unitario.

CURVA DEL COSTO MEDIO

Dal punto di vista grafico il costo medio può essere rappresentato su un diagramma cartesiano ponendo il costo medio ( CU ) sull'asse delle ordinate e la quantità della produzione ( Y ) sull'asse delle ascisse. Nel seguente grafico rappresentiamo la curva del costo medio ( rosso ) insieme alla curva del costo marginale ( marrone ).

CURVA DEL <a href='/costo' _fcksavedurl='/costo' title='COSTO'>COSTO</a> MEDIO

Perché la curva del costo medio ha un andamento a U?

La curva del costo medio ha un andamento a forma di "U" poiché il peso dei costi fissi sul costo totale è maggiore quando l'impianto di produzione è ancora sottoutilizzato ( fase decrescente iniziale ) e per l'effetto della produttività marginale decrescente dei fattori produttivi sui costi variabili ( tratto crescente successivo ).

  • Tratto decrescente della curva dei costi medi. Nel tratto iniziale la curva del costo medio è decrescente in quanto il costo totale comprende anche i costi fissi ( es. impianto ). I costi fissi non variano con la quantità di produzione. Pertanto, l'aumento della produzione consente di ripartire progressivamente il costo fisso su una maggiore quantità di prodotto, riducendo così il costo medio ( CU ) della produzione. In questo tratto i costi medi fissi sono decrescenti. Anche i costi medi variabili sono inizialmente decrescenti per effetto della produttività crescente.
  • Ottimo tecnico ( costo unitario minimo ). Il punto di minimo della curva del costo medio (CU) rappresenta una situazione di ottimo tecnico, poiché in questo punto l'impresa utilizza l'impianto in modo migliore. Nel punto di minimo È della curva del costo medio (CU) si interseca la curva del costo marginale (CM). Questo punto è detto punto di fuga poiché il prezzo del prodotto non può essere inferiore a questo livello minimo. Se il prezzo del prodotto fosse inferiore, l'impresa sarebbe costretta ad abbandonare il mercato poiché il costo unitario del prodotto è superiore al prezzo di vendita dello stesso. L'ottimo tecnico non è però detto che sia anche un ottimo economico ( v. differenza tra ottimo tecnico e ottimo economico ).
  • Tratto crescente della curva dei costi medi. Nel tratto successivo la curva del costo medio è crescente poiché l'incremento del volume di produzione oltrepassa il rapporto ottimale della proporzione tra l'impiego dei fattori produttivi e la capacità degli impianti. A parità di capacità di impianto, l'ulteriore impiego dei fattori produttivi riduce la produttività degli impianti ( efficienza produttiva ) e, di conseguenza, aumenta in modo esponenziale i costi variabili ( CV ) della produzione. Ciò causa l'aumento del costo medio ( CU ) della produzione. In tale fase l'incremento del costo medio variabile compensa e supera la riduzione del costo medio fisso.

Differenza tra costo medio e costo marginale. Il costo medio si distingue dal costo marginale. Il costo medio è il rapporto tra il costo totale e della quantità di produzione. Il costo marginale è, invece, il rapporto tra la quantità dell'incremento di produzione e dell'incremento dei costi a margine. Nel costo medio sono presi in considerazione sia i costi fissi e sia i costi variabili. Nei costi marginale, invece, sono presi in conto soltanto i costi variabili poiché i costi fissi non variano al variare della produzione. Come si può notare nel grafico, la curva dei costi marginali è inizialmente più bassa rispetto alla curva dei costi medi. Il costo medio decresce meno rapidamente per la presenza dei costi fissi (CF) al suo interno. Il costo marginale (CM), invece, decresce rapidamente poiché comprende soltanto i costi variabili (CV). La curva dei costi marginali interseca la curva dei costi unitari in corrispondenza del costo medio minimo. Al crescere del volume di produzione i costi marginali crescono più rapidamente per effetto della produttività decrescente dei fattori. I costi medi, invece, crescono meno rapidamente per effetto della riduzione dei costi unitari fissi (CUF), in quanto una maggiore quantità di prodotto (Y) si ripartisce sul costo fisso (CF) della produzione..

Breve periodo. Il costo medio è analizzato nel breve periodo. Soltanto in questo caso il costo fisso può essere assunto come variabile costante. Nel breve periodo la capacità degli impianti non varia. Anche se l'impresa decidesse di ampliare gli impianti, la fase di investimento e di realizzazione dell'ampiamento richiederebbe anni, senza influenzare la capacità corrente dell'impianto di produzione. Nel breve periodo l'impresa può aumentare la produzione soltanto mediante un maggiore impiego di fattori produttivi ( costo variabile ) a parità di impianto ( costo fisso ).

https://www.okpedia.it/costo_medio



note


  • Esempio di costo medio. Data una produzione di 100 unità di prodotto (Y) e un costo totale di 200 € (CT), il costo medio (CM) di ciascuna unità di prodotto è pari a 2 € ed è determinato dal rapporto tra il costo totale e il numero delle unità prodotte ( 200 € / 100 pezzi ).
  • Ottimo tecnico e ottimo economico. L'ottimo tecnico e l'ottimo economico sono due situazioni distinte. Nell'ottimo tecnico l'impresa produce Q* unità di prodotto al costo unitario più basso ( minimizzazione dei costi ). Tuttavia, l'obiettivo finale di un'impresa è a massimizzazione del profitto e non è detto che l'ottimo tecnico ( costo unitario minimo ) sia anche un ottimo economico ( massimo profitto ). La massimizzazione del profitto potrebbe essere associata a un volume di produzione diverso da Q* e all'impresa potrebbe convenire modificare il livello di produzione, allontanandosi dall'ottimo tecnico, per massimizzare il profitto.
  • Fattori determinanti del costo medio. Il costo medio varia da impresa a impresa per cause oggettive e soggettive. Dal punto di vista oggettivo ogni settore produttivo è caratterizzato da un processo produttivo differente rispetto a quello degli altri settori produttivi. I principali fattori del costo medio sono i seguenti:
    • capacità organizzativa dell'imprenditore;
    • caratteristiche del processo produttivo;
    • capacità di produzione ( dimensione degli impianti );
    • ubicazione degli impianti;
    • qualità dei fattori produttivi;
    • costi di trasporto;
    Ad esempio un'impresa siderurgica ha molti più aspetti in comune con le altre imprese del settore siderurgico piuttosto che con quelle operanti nel settore dei servizi. Inoltre, all'interno di un medesimo settore produttive le imprese dispongono di una diversa capacità di produzione ( dimensione di impresa ) che generano economie di scala differenti. I costi medi di un'impresa sono influenzati anche dall'ubicazione geografica degli impianti, dalla lontananza dal mercato, dai costi di trasporto, dalla qualità dei fattori produttivi, ecc. Dal punto di vista soggettivo, infine, ogni impresa è gestita da un imprenditore, o un gruppo di manager, con una propria capacità e abilità organizzativa. A parità di condizioni, un'impresa guidata da un imprenditore più abile è meglio organizzata. Dalle scelte dell'imprenditore dipende l'efficienza della combinazione produttiva e, pertanto, un'impresa ben organizzata beneficia di un costo medio di produzione minore rispetto alle altre imprese.
  • Imprese marginali / imprese inframarginali. Sulla base del costo medio di produzione le imprese sono classificate in marginali o inframarginali. Le imprese marginali sono quelle che hanno il costo medio di produzione più alto, rispetto alle altre imprese operanti nel medesimo mercato, e sono più esposte al rischio di uscire dal mercato. Le imprese inframarginali sono quelle che, invece, dispongono di un costo medio più basso e beneficiano di un saggio di profitto maggiore. Avendo un costo medio di produzione più basso, rispetto alle altre imprese operanti sul medesimo mercato, le imprese inframarginali godono di una maggiore resistenza sul mercato.

Costo


Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.