OKPEDIA MESOPOTAMIA

Economia della Mesopotamia

L'agricoltura è alla base dell'economia della Mesopotamia. Il limo lasciato sul terreno dalle periodiche esondazioni dei fiumi Tigri ed Eufrate e le opere di canalizzazione delle acque rendono particolarmente fertile la terra e abbondanti i raccolti.

La fertilità della mezzaluna fertile

Le regioni mesopotamiche sono parte della mezzaluna fertile, una fascia di territori che si estende dal Nilo, in Egitto, ai fiumi della Mesopotamia, che conferisce alla terra un'elevata fertilità. In questa zona hanno origine le prime civiltà della storia umana.

Il surplus agricolo e la nascita dell'artigianato

Il surplus alimentare consente alla popolazione di specializzarsi in attività extra-agricole e la società si trasforma e si stratifica in classe sociali. Nell'economia iniziano a distinguersi due settori economici, quello dell attività agricole e quello delle attività extra agricole. In Mesopotamia si sviluppa l'artigianato specializzato nella produzione di tessuti, metalli e ceramiche.

La posizione geografica agevola il commercio

Le regioni della Bassa Mesopotamia si trovano al centro di un importante crocevia delle vie di comunicazione, questa posizione favorisce lo sviluppo dell'attività commerciale e del commercio. Le città mesopotaiche diventano il mercato naturale di scambio delle merci provenienti dall'Africa, dall'Asia e dal Mediterraneo.

https://www.okpedia.it/economia-della-mesopotamia


Segnala un errore o invia un suggerimento per migliorare la pagina


Civiltà mesopotamica

Mesopotamia

Scienza e Tecnologia

Società

Arte e architettura

Mitologia/Religione babilonese

Bibliografia