David Ricardo

David RicardoDavid Ricardo è un economista inglese del XIX secolo. È uno dei principali esponenti della teoria classica dell'economia politica. Ricardo riprende la teoria di Adam Smith e degli altri economisti classici per elaborare un'unica teoria economica, in un corpo organico e coerente di leggi. A lui viene riconosciuta l'elaborazione più completa della teoria economica classica.

Ricardo nasce a Londra nel 1772 da una famiglia ebraica sefardita olandese, immigrata in Inghilterra. Segue le orme del padre e inizia la sua carriera come agente di cambio nella borsa di Londra. Grazie alla collocazione dei prestiti di guerra, riesce ad accumulare una ricchezza tale da consentirgli di ritirarsi dagli affari a soli 42 anni. Da questo momento in poi si dedica esclusivamente agli studi di economia politica e all'attività politica parlamentare come deputato whig.

Si avvicina all'economia dopo aver letto la Ricchezza delle nazioni di Adam Smith, che considera il suo modello, da cui assimila il ragionamento astratto e l'impostazione liberista. Con l'economista scozzese condivide anche l'appartenenza alla scuola classica dell'economia. Dal punto di vista filosofico Ricardo è vicino al radicalismo filosofico, a cui si avvicina attraverso l'amicizia con i filosofi Jeremy Bentham e James Mill.

David Ricardo muore a Gatcomb Park nel 1823, all'età di 61 anni.

Il liberismo economico e l'equilibrio di lungo periodo

Secondo Ricardo il sistema economico ha la capacità naturale di raggiungere una situazione di pieno impiego delle risorse, poiché la produzione dei beni crea automaticamente la domanda di mercato ( legge di Say ).

la legge di Say - la produzione del bene crea uno sbocco sugli altri mercati

Come altri economisti classici anche Ricardo considera il mercato come il processo allocativo migliore possibile. Sostiene il liberismo economico e il libero scambio commerciale sia all'interno che tra paesi diversi.

La teoria della rendita differenziale

Ricardo formula la teoria della rendita differenziale intensiva per criticare la decisione del governo inglese di introdurre dei dazi sull'importazione del grano dall'estero ( leggi sul grano ).

la teoria della rendita differenziale intensiva

Nella visione intensiva della teoria Ricardo ipotizza l'assenza di nuove terre coltivabili. In tali circostanze l'unico modo di aumentare la produzione agricola è tramite l'impiego del lavoro.

Essendo la produttività del lavoro decrescente, l'incremento del coefficiente lavoro della produzione causa la riduzione del saggio di profitto e, indirettamente, il tasso di accumulazione e di sviluppo della nazione.

Questa tesi è il fulcro centrale della critica di Ricardo alle leggi sul grano.

La teoria della distribuzione

David Ricardo elabora una teoria della distribuzione basata sull'ipotesi della correlazione inversa tra salari e profitti e della teoria della rendita differenziale intensiva. Secondo Ricardo, la scarsità delle terra coltivabili costringe il capitalista a intensificare l'impiego dei lavoratori. Il coefficiente del lavoro nella produzione aumenta ( +l ).

la formula del lavoro comandato

Considerando costante il coefficiente del capitale (k) e il salario reale (w/p), l'intensificazione del lavoro e la produttività decrescente del lavoro spingono il verso il basso il saggio di profitto (r).

Ricardo considera il profitto come una grandezza residuale.

La caduta del saggio di profitto nel lungo periodo

Il rendimento decrescente in agricoltura spinge Ricardo ad affermare una tendenziale caduta del saggio medio di profitto nel lungo periodo.

Secondo Ricardo, il progresso tecnico non è sufficiente a compensare i rendimenti decrescenti della produzione agricola. Un'innovazione tecnologica aumenta la produttività del lavoro e il saggio di profitto soltanto temporaneamente.

I profitti maggiori incentivano le nuove imprese ad entrare sul mercato e quelle già presenti ad aumentare la produzione agricola. Essendo tutte le terre già coltivate, si verifica un'ulteriore intensificazione del lavoro che riduce nuovamente il saggio di profitto.

La teoria del salario

Nella teoria del salario Ricardo assume l'uguaglianza del salario reale al salario di sussistenza. Secondo Ricardo, l'offerta di lavoro dei lavoratori si adegua automaticamente alle variazioni della domanda di lavoro delle imprese. L'aggiustamento naturale avviene secondo i principi della teoria demografica della popolazione di R.T. Malthus.

La teoria del valore-lavoro

Elabora una teoria del valore completa basata sul valore-lavoro, in cui il valore di ogni merce è determinato direttamente e indirettamente dal lavoro impiegato per costruirlo ( lavoro contenuto ).

La teoria del commercio internazionale

Ricardo viene ricordato anche per il suo contributo alla teoria del commercio internazionale in cui lo scambio delle merci è determinato dal principio dei costi comparati della produzione.

Il principio di equivalenza tra imposte e debito pubblico

Ricardo formula il principio di equivalenza tra il finanziamento della spesa pubblica mediante il debito pubblico e le imposte. Secondo l'autore, le due forme di finanziamento si equivalgono.

Le opere di David Ricardo

Durante la sua vita politica Ricardo pubblica diversi articoli sulle questioni economiche. Di particolare importanza sono lo scritto "L'alto prezzo dell'oro" del 1810 e le sue osservazioni del 1811, in cui l'economista partecipa al dibattito sul problema della moneta cartacea e dei metalli preziosi. È un sostenitore della teoria quantitativa della moneta.

Nel 1815 pubblica la sua opera "Saggio sull'influenza del basso prezzo del grano sui profitti", in cui si schiera contro le leggi del grano e a favore del libero scambio internazionale. Nel saggio si trova il suo contributo più importante, quello sulla teoria della rendita differenziale, e diverse tracce sulla sua teoria della distribuzione e della produzione.

Nel 1817 scrive i "Principi di economia politica", la sua opera più completa, in cui affronta quasi tutti i temi della teoria economia, la produzione, la distribuzione, il commercio, il profitto, la rendita, il valore-lavoro e i costi. La sua opera è considerata la più organica e completa del pensiero economico della scuola classica.

Tra gli altri scritti le "Proposte per una moneta conveniente e sicura" del 1816 e il "Piano per la creazione di una banca nazionale" del 1823.

I suoi dibattiti e le sue opere hanno una grande influenza sul dibattito politico inglese dell'epoca. È considerato uno degli economisti più influenti del secolo.

https://www.okpedia.it/david-ricardo



  1. David Ricardo
  2. la teoria della rendita differenziale
  3. la critica di Ricardo alle leggi sul grano
  4. la divisione per classi della società
  5. la teoria della distribuzione
  6. la teoria del valore
  7. la teoria del salario
  8. l'equivalenza ricardiana tra imposte e debito pubblico
  9. il debito pubblico secondo Ricardo
  10. le critiche al teorema dell'equivalenza
  11. le differenze di pensiero tra Ricardo e Malthus
  12. la legge di Say e le macchine secondo Ricardo
  13. gli economisti ricardiani ( il ricardismo )
  14. la reazione antiricardiana