La teoria del valore di Ricardo

Ricardo elabora la sua teoria del valore prendendo in considerazione esclusivamente i prezzi naturali. Si distacca, pertanto, dalla teoria del valore additivita di Adam Smith e di Malthus, di cui Ricardo è uno dei principali critici.

L'esclusione della rendita dal valore

Secondo Ricardo, la rendita della terra non entra nel calcolo del valore delle merci, in quanto il prezzo della merce viene determinato sull'ultima terra marginale coltivata, dove la rendita si annulla.

Soltanto gli altri costi di produzione contribuiscono a formare il valore della merce. Non vi è però nessuno calcolo additivo dei redditi. Secondo Ricardo, il profitto è una grandezza economica residuale.

La relazione inversa tra salari e profitti

Ricardo ipotizza una relazione inversa tra profitti e salari. È una tesi portante su cui regge l'intera teoria economica dell'economista inglese.

la teoria del valore di Malthus

Essendo il profitto una grandezza residuale, se aumenta il salario reale (w/p) dei lavoratori o diminuisce la produttività del lavoro (l), il saggio di profitto (r) si riduce.

Il rifiuto del lavoro comandato

Per spiegare il valore Ricardo evita di usare il lavoro comandato perché dipende dalla distribuzione dei redditi. Ricardo osserva almeno due problemi nella teoria del valore basata sul lavoro comandato:

  1. Quando aumenta il salario, aumenta anche il lavoro comandato e, quindi, il prezzo della merce. In tale circostanza è difficile provare che il profitto si riduca.
  2. Quando varia il valore di tutte le merci, varia anche il valore del lavoro comandato.

La teoria del valore lavoro contenuto

Per evitare i problemi del lavoro comandato, Ricardo preferisce spiegare il valore con il lavoro contenuto nelle merci. Il lavoro contenuto è determinato soltanto dalle tecniche di produzione. È quindi indipendente dalla distribuzione del prodotto e della ricchezza.

il lavoro contenuto

Nell'esempio precedente sono rappresentati i prezzi P di due merci ( A e B ). Si tratta del caso più semplice in cui le merci sono prodotte soltanto con il lavoro.

Il problema dei valori di scambio

Tuttavia, il lavoro contenuto presenta un problema. Nella realtà economica i valori di scambio delle merci cambiano con la distribuzione del reddito ma non dovrebbero farlo se sono determinati dal rapporto del lavoro contenuto nelle merci.

il valore di scambio delle merci

Se i prezzi relativi PA/PB cambiano a causa di una diversa distribuzione dei redditi, allora non sono determinati soltanto dal rapporto del lavoro contenuto nelle due merci lA/lB.

La soluzione di Ricardo al problema dei valori di scambio

Per risolvere il problema del lavoro contenuto nel valori di scambio delle merci, Ricardo ricorre a une escamotage tecnica. Secondo Ricardo il valore dipende dal lavoro contenuto nelle merci e dal tempo in cui il lavoro è impiegato nella produzione.

Considerando anche il tempo di impiego del lavoro nella produzione delle due merci ( tA e tB ), i prezzi delle merci e il loro valore di scambio sono espressi nel seguente modo:

la soluzione di Ricardo al problema dei valori di scambio

In realtà, la soluzione non spiega completamente l'indipendenza del valore dalla distribuzione del reddito. Inoltre, Ricardo non si accorge che nelle formule il valore di scambio è sostanzialmente un rapporto tra valori espressi in lavoro comandato ( p/w ).

In conclusione

Nella sua teoria del valore Ricardo cerca di individuare una misura invariabile e assoluta del valore, determinato soltanto dalle tecniche di produzione delle merci e indipendente dalla distribuzione del reddito.

In realtà, il valore assoluto delle merci non esiste. L'economista inglese è consapevole del problema e impiega tutta la sua vita per cercare questa unità di misura senza però mai trovarla.

https://www.okpedia.it/la-teoria-del-valore-di-ricardo


Segnala un errore o invia un suggerimento per migliorare la pagina


note
  1. La merce prodotta in condizioni medie

La merce prodotta in condizioni medie

Durante la ricerca di una misura del valore assoluto delle merci, Ricardo prova anche a prendere come numerario il valore di una merce prodotta in condizioni medie rispetto al sistema.

Un'eventuale variazione nella distribuzione del reddito farebbe variare i prezzi relativi delle merci ma non in questa merce, essendo prodotta in condizioni medie, gli aumenti di prezzo su alcune merci sarebbero compensati dalla diminuzione di prezzo su altre merci. Ne consegue che il suo valore resta invariato ed è indipendente dalla distribuzione.

Se tutte le merci fossero misurate in termini fisici, usando come numerario questa merce "media", secondo Ricardo il valore del prodotto netto delle merci coinciderebbe con il lavoro contenuto nelle stesse.


  1. David Ricardo
  2. la teoria della rendita differenziale
  3. la critica di Ricardo alle leggi sul grano
  4. la divisione per classi della società
  5. la teoria della distribuzione
  6. la teoria del valore
  7. la teoria del salario
  8. l'equivalenza ricardiana tra imposte e debito pubblico
  9. il debito pubblico secondo Ricardo
  10. le critiche al teorema dell'equivalenza
  11. le differenze di pensiero tra Ricardo e Malthus
  12. la legge di Say e le macchine secondo Ricardo
  13. gli economisti ricardiani ( il ricardismo )
  14. la reazione antiricardiana