test di verificaDomanda
Qual è il valore finale della variabile B?immagine del test



Scienze socio-economiche

Scienze & Tecnologia

Scienze matematiche


Okpedia: enciclopedia online di economia e tecnologia

ECONOMIA POLITICA

L´economia politica è lo studio dei fenomeni economici e del comportamento umano per soddisfare i propri bisogni in condizioni di scarsità. La scienza economica è suddivisa in molte discipline: microeconomia, macroeconomia, politica economica, storia economica, storia del pensiero economico, geografia economica.

  • Microeconomia. Lo studio dell'economia dal punto di vista del singolo operatore economico ( impresa, famiglia, consumatore ).
  • Macroeconomia. Lo studio dei fenomeni economici in generale, dal punto di vista delle categorie aggregate degli operatori economici ( imprese, famiglie, consumatori, Stato ).

All'interno di queste due branche dell'economia politica lo studio è suddiviso in discipline specializzate che studiano soltanto alcuni ambiti dell'economia. Ad esempio, l'economia industriale, l'economia ambientale, la scienza delle finanze, la politica economica, la storia del pensiero economico, ecc.


INFORMATICA

L´informatica è la tecnologia e la scienza applicata che studia l´elaborazione delle informazioni tramite gli elaboratori elettronici ( computer ). Il termine informatica deriva dal francese informatique ed è composto da due parole: information (informazione) e automatique (automatica). La tecnologia è suddivisa in due branche: il software ( programmi ) e l'hardware ( computer ).

  • Hardware. L'hardware è la componente pesante del computer. Sono inclusi in questa categoria tutti i componenti fisici dell'elaboratore.
  • Software. Il software è la componente leggera dell'elaboratore e comprende tutto ciò che riguarda la programmazione, i programmi e i sistemi operativi.

Oltre a queste principali branche l'informatica può essere anche suddivisa in discipline, come la programmazione, le telecomunicazioni, la robotica, ecc. Una disciplina informatica a cui viene dedicata una particolare attenzione su Okpedia è l'intelligenza artificiale.


Gli ultimi aggiornamenti

  • Léon Walras. Léon Walras è un economista francese della fine del XIX secolo. Nasce a Evreux nel 1834. Viene indirizzato allo studio dei fenomeni socioeconomici dal padre August Walras. Nel 1870 Léon Walras diventa professore di economia all´università di Losanna. Utiliz...
  • Thomas Edward Cliffe Leslie. Thomas Edward Cliffe Leslie è un economista irlandese del XIX secolo. Nasce a Wexford nel 1827. Nel corso della sua carriera insegna giurisprudenza ed economia politica al Queen´s College di Belfast. Come economis...
  • William Cunningham. William Cunningham è uno storico ed economista scozzese del XIX secolo. Nasce a Edimburgo nel 1849. Dopo aver completato i suoi studi, diventa cappellano del Trinity College di Cambridge. Nel 1891 viene assunto come professore di economia e statistica al King´s College London. Successivamen...
  • Richard Jones. Richard Jones è un economista inglese del XIX secolo. Nasce nel 1790 a Tunbridge Wells. Studia giurisprudenza per avviarsi alla professione legale. Successivamente decide di dedicarsi all´insegnamento dell´economia, storica e politica economica. Insegna al King´s Col...
  • Teoria del capitale di Jevons. Stanley Jevons elabora una teoria del capitale basata sulla produttività marginale e il tempo medio di immobilizzo del capitale nella produzione. La defini...
  • La teoria del lavoro di Jevons. Jevons elabora una teoria dell´offerta di lavoro a partire dal concetto di utilità marginale. Secondo Jevons il lavoro è un´attività spiacevole ( fatica ) che una persona compie soltanto per ottenere il salario...
  • Stanley William Jevons. Stanley William Jevons è un economista e filosofo inglese della seconda metà del XIX secolo. Nasce a Liverpool nel 1835. Al termine degli studi diventa professore di logica e filosofia morale a Manchester. È uno dei fondatori del...
  • Il marginalismo. Il marginalismo è una corrente del pensiero economico di fine Ottocento. Si è sviluppata nel periodo 1870-1890 ed è conosciuta anche come rivoluzione marginalista. Nel marginalismo viene utilizzata la teoria dell´utilità marginale per spiegare i fenomeni economici. In parti...
  • La teoria monetaria della scuola classica. Gli economisti della scuola classica non formalizzano una propria teoria monetaria ma, in generale, adottano la teoria quantitativa per spiegare i fenomeni monetari ( teoria ortodossa della moneta ). Le opinioni dei classici divergono però sulla politica valutaria e, in particolar modo, sull´opportunità o meno di convertire la valuta in lingotti d´oro presso la banca centrale....
  • La caduta del saggio di profitto nella teoria di John Stuart Mill. Lo stato stazionario di lungo periodo...
  • Teoria del capitale di John Stuart Mill. La teoria del capitale e del profitto di John Stuart Mill anticipa la scuola neoclassica. v...