Concorrenza monopolistica

La concorrenza monopolistica è una forma di mercato intermedia alla concorrenza perfetta e al monopolio, in cui si presentano alcuni elementi caratteristici del mercato concorrenziali e altri del mercato monopolistico. Nel mercato di concorrenza monopolistica le imprese offrono un prodotto non omogeneo e differenziato ( differenziazione ). La differenziazione di prodotto determina un cambiamento nelle preferenze dei consumatori in quanto, pur essendo simili, i prodotti delle imprese non sono considerati dagli acquirenti come beni sostituti. Ogni singolo prodotto di impresa è distinto dagli altri da piccole differenze materiali ( caratteristiche tecniche, qualità oggettiva, ecc. ) o immateriali ( reputazione del brand, qualità percepita, pubblicità, ecc. ). Come in un mercato monopolistico, in un mercato di concorrenza monopolistica ogni singola impresa può modificare sia la quantità di produzione e sia il prezzo. Ogni impresa ha una curva di domanda inclinata negativamente e gode di di un determinato potere di mercato che gli deriva dal fatto di offrire un bene differenziato rispetto alle altre imprese. Il potere di mercato è direttamente correlato al grado di differenziazione del prodotto. Quanto più un prodotto è percepito differente dagli acquirenti, tanto meno è elastica la curva di domanda del prodotto, e viceversa. Ogni impresa cerca di differenziare i propri prodotti dagli altri per aumentare il proprio potere di mercato. Nella seguente rappresentazione viene mostrato l'equilibrio di concorrenza monopolistica nel breve periodo per una singola impresa.

CONCORRENZA MONOPOLISTICA BREVE PERIODO

Il punto di incontro tra il costo marginale e il ricavo marginale determina la quantità offerta q1 e il prezzo di vendita p1 dell'impresa in concorrenza monopolistica. La differenziazione di prodotto consente all'impresa di ottenere un extraprofitto. Tuttavia, a differenza del monopolio, nel caso della concorrenza monopolistica non esistono barriere di ingresso insormontabili e l'equilibrio di breve periodo non è destinato a durare nel tempo. Nel medio-lungo periodo la presenza dell'extraprofitto attira altre imprese nel mercato. A parità di domanda totale del mercato, la maggiore concorrenza tra imprese determina la traslazione verso sinistra della domanda di impresa ( D2 ) e l'incremento dell'elasticità della domanda nei confronti del prezzo.

CONCORRENZA MONOPOLISTICA LUNGO PERIODO

Nel lungo periodo l'equilibrio di concorrenza monopolistica si stabilizza nel punto in cui l'extraprofitto dell'impresa scompare. Ciò accade quando il prezzo eguaglia il costo unitario ( AC ) di produzione. L'annullamento dell'extraprofitto interrompe l'ingresso sul mercato da parte di nuove imprese competitor. Nell'equilibrio di lungo periodo l'impresa riduce la quantità di offerta da q1 a q2 e il prezzo di vendita da p1 a p2. In conclusione, il mercato di concorrenza monopolistica unisce alcuni aspetti del mercato di concorrenza perfetta con quelli del mercato di monopolio.

Elasticità della curva di domanda in concorrenza monopolistica. La domanda di mercato dell'impresa ( D ) in regime di concorrenza monopolistica è, comunque, più elastica rispetto al monopolio, poiché è più sensibile alle variazioni di prezzo a causa della presenza di altre imprese concorrenti. Pur essendo percepito di consumatori come un bene unico e distinto dagli altri, il bene soddisfa un medesimo bisogno economico. Dinnanzi a un forte incremento di prezzo, i consumatori potrebbero decidere di soddisfare il medesimo bisogno acquistando un bene differente. Ad esempio, se il prezzo dei ristoranti italiani aumenta troppo, i consumatori potrebbero decidere di prenotare un tavolo al ristorante cinese o in pizzeria. Inoltre, nel mercato di concorrenza monopolistica non esistono vere e proprie barriere legali o naturali che impediscono l'ingresso da parte di altre imprese concorrenti nel segmento di mercato di un bene differenziato. Ad esempio, se in una zona un ristorante affermato aumenta troppo i prezzi, nulla vieta ad altri imprenditori di aprire un altro ristorante concorrente in zona, meno affermato ma più economico. Per tali ragioni la curva di domanda di un'impresa in concorrenza monopolistica è più elastica al prezzo rispetto alla curva di domanda di un'impresa monopolista.

https://www.okpedia.it/concorrenza_monopolistica



note


  • Concorrenza imperfetta. La concorrenza monopolistica è anche conosciuta come concorrenza imperfetta.
  • Grado di differenziazione minimo e concorrenza perfetta. Quando il grado di differenziazione tra due prodotti è minimo, gli acquirenti li percepiscono come beni omogenei o quasi omogenei. In questo caso, i profitti dell'impresa sono minimi e la curva di domanda d'impresa è quasi orizzontale, molto elastica al prezzo, ed è simile alla curva di domanda di un'impresa in concorrenza perfetta.

Monopolio