Jules Dupuit

Jules DupuitJules Dupuit è un economista e ingegnere francese del XIX secolo. Dupuit nasce a Fossano ( Piemonte ) nel 1804. Al termine degli studi inizia la sua carriera come ingegnere civile nel Corps des Pontes e Chaussées. Successivamente entra a far parte della Société d'économie politique dove perora la dottrina economica liberista di stampo malthusiano. È considerato uno dei precursori della scuola neoclassica. Muore a Fossano nel 1866.

Il pensiero economico di Dupuit

Jules Dupuit è un economista liberista. Vive in un'epoca in cui la teoria classica di David Ricardo rappresenta l'ortodossia del pensiero economico liberista.

Dupuit difende la dottrina economica classica di Thomas Robert Malthus ma, sotto molti aspetti, se ne distacca e introduce molti elementi che anticipano la futura scuola neoclassica e il calcolo marginalista, di cui è considerato un precursore.

Studia i benefici sociali netti generati dalle opere pubbliche ( ponti, strade, canali, ecc. ) e dalle variazioni tariffarie in modo rigoroso e analitico.

Il beneficio collettivo ( sociale o pubblico ) è misurato tramite la somma delle utilità intramarginali.

L'utilità marginale

Dupuit distingue l'utilità in utilità individuale e totale. Inoltre, comprende la differenza tra utilità totale ( assoluta o collettiva ) e utilità marginale.

E' uno dei primi a costruire la curva dell'utilità marginale, identificandola con la curva di domanda.

E' anche uno dei primi a individuare la nozione di sovrappiù del consumatore. Secondo Dupuit, l'utilità individuale di una persona è pari alla rendita del consumatore.

Secondo Dupuit l'utilità relativa è determinata dalla differenza tra l'utilità totale e l'utilità marginale moltiplicata per la quantità offerta del bene.

Nota. Questo concetto individuato da Dupuit viene successivamente elaborato e sviluppato da Marshall per costruire la teoria della domanda. Lo stesso concetto di utilità relativa di Dupuit sarà ribattezzato da Marshall con il nome di rendita del consumatore. Per questa ragione Dupuit è considerato uno dei precursori del marginalismo neoclassico.

Dupuit definisce anche il concetto di surplus del produttore che identifica con la differenza tra il ricavo totale e il costo marginale di tutte le unità prodotte della merce.

Il beneficio sociale totale è determinato dalla somma del surplus del produttore e il surplus del consumatore.

La teoria del prezzo di Dupuit

Secondo Dupuit il prezzo di una merce è determinato dal costo marginale della produzione.

L'analisi costi-benefici

L'economista francese è il primo a utilizzare lo strumento della moderna analisi costi-benefici. La utilizza per valutare l'effettiva utilità della costruzione di un'opera pubblica.

Tramite l'analisi costi-benefici Dupuit calcola l'effetto o la conseguenza della realizzazione delle opere pubbliche sul benessere collettivo.

Le politiche economiche anti-trust di Dupuit

Nonostante il suo pensiero di stampo liberista, Jules Dupuit sostiene la necessità delle politiche economiche anti-trust per contrastare la nascita dei monopoli.

In regime di monopolio, la spinta alla massimizzazione del profitto riduce l'utilità totale ( collettiva ) della produzione, riducendo il benessere collettivo.

Per questa ragione, Dupuit sostiene l'adozione della politica anti-trust da parte dei governi e dei policy maker, per mantenere un grado accettabile di concorrenza di mercato.

Nota. In un certo senso, Dupuit si accorge che i mercati possono fallire ( fallimenti di mercato ) ed evolvere dal regime di concorrenza a quello di monopolio in modo irreversibile. Da qui la necessità dell'intervento pubblico correttivo sul mercato.

Le opere di Jules Dupuit

  1. "La misura dell'utilità dei lavori pubblici" ( 1844 )
  2. "La libertà commerciale" ( 1861 )

https://www.okpedia.it/jules-dupuit


Segnala un errore o invia un suggerimento per migliorare la pagina


note


  1. Secondo Dupuit, quando lo Stato fornisce uno bene deve ridurre la sua tariffa al crescere della quantità offerta, per consentire all'utilità marginale di diminuire insieme al prezzo del bene.

  1. La scuola neoclassica
  2. La rivoluzione marginalista
  3. L'individualismo metodologico