OKPEDIA KARL MARX

Teoria del valore di Karl Marx

Karl Marx costruisce la propria teoria del valore ispirandosi al concetto di valore-lavoro di David Ricardo.

Cosa afferma la teoria del valore lavoro di Ricardo? Il valore di una merce è determinato dal valore del lavoro impiegato direttamente e indirettamente per produrla.

Tuttavia, a differenza di Ricardo, secondo Karl Marx le merci non sono scambiate sul mercato al loro valore-lavoro.

Nella teoria del valore di Marx il valore di scambio delle merci è il prezzo di produzione.

Cos'è il prezzo di produzione

Secondo Marx il prezzo di produzione di ogni merce è il prezzo di vendita che rende uniforme il saggio di profitto di tutti i produttori delle merci.

i prezzi di produzione determina il saggio di profitto del settore rendendolo uguale agli altri settori

Perché il saggio di profitto è uguale tra i settori? Se il saggio di profitto fosse maggiore in un settore, i capitalisti disinvestiverebbero dagli altri settori economici per investire dove è maggiore. Quando i saggi di profitto sono uguali, invece, si giunge a un equilibrio economico stabile.

Pertanto, il rapporto tra il valore-lavoro di due merci non eguaglia necessariamente il rapporto tra i prezzi di produzione delle due merci.

il rapporto tra i prezzi di produzione delle merci non eguaglia il rapporto tra il valore valore tra le stesse

Da questo punto di vista Marx sembra accogliere l'intuizione di Adam Smith che, pochi decenni prima, distingue tra lavoro contenuto e lavoro comandato.

Qual è la differenza tra lavoro contenuto e comandato? Il lavoro contenuto è il valore del lavoro impiegato direttamente e indirettamente per produrre una merce. Il lavoro comandato è il valore del lavoro che la merce può acquistare dopo lo scambio sul mercato.

Il modello semplificato della teoria marxiana del valore

Per dimostrare la teoria del valore di Marx si utilizza un modello semplificato con due settori produttivi dedicati rispettivamente alla produzione di un bene di consumo C e di un bene di capitale K.

Il valore lavoro dei rispettivi beni ( λc e λk ) è determinato dalla quantità di lavoro vivo ( l ) e morto ( k ) impiegato nella produzione.

il valore lavoro delle merci secondo Marx

Nota. Le variabili lk e lc indicano la quantità di lavoro usata per produrre rispettivamente il bene di consumo K e C. Le variabili kc e kc indicano la quantità di capitale impiegata nelle due produzioni. La variabile pk è il prezzo del capitale, il quale è comune per entrambe le produzioni.

Il rapporto tra valori lavoro dei due beni C e K ( detto valore-lavoro relativo ) è il seguente:

il valore-lavoro relativo dei due beni

Secondo Marx le merci non sono scambiate al loro valore-lavoro, bensì al loro prezzo di produzione.

Nota. Nel modello il prezzo di produzione di una merce è usato per rendere uniforme il saggio di profitto (r) della sua produzione rispetto a tutte le altre.

Il prezzo di produzione delle merci è determinato dal costo del lavoro ( wl ), dal costo del capitale ( kp ) e dal saggio di profitto ( r ).

i prezzi di produzione delle due merci

Nota. La variabile w indica il salario dei lavoratori.

Pertanto, il rapporto tra i prezzi di produzione dei beni C e K ( detto prezzo relativo ) è il seguente:

il prezzo relativo dei beni C e K

In quale caso non si verifica lo sfruttamento del lavoro?

Quando il prezzo relativo dei beni è uguale al valore-lavoro relativo, non c'è sfruttamento del lavoro.

l'uguaglianza tra prezzi relativi e valori-lavoro relativi implica l'assenza dello sfruttamento del lavoro

Il prezzo relativo eguaglia il valore-lavoro relativo in due circostanze:

  1. Quando il saggio di profitto è nullo ( r=0 )

    Nota. Questa ipotesi è poco utile perché l'esistenza del saggio di profitto è essenziale in regime capitalistico. Non può essere nullo.

  2. Quando il rapporto k/l è uguale in entrambe le produzioni

La seconda circostanza è più utile perché non annulla il saggio di profitto (r)

il rapporto capitale lavoro identico nei due settori produttivi

Sostituendo il rapporto kc/kk al posto di lc/lk nel prezzo di produzione relativo si ottiene il valore-lavoro relativo.

l'ipotesi dello sfruttamento nullo quando il rapporto capitale lavoro è identico

Pertanto, lo sfruttamento del lavoro è nullo quando i due settori produttivi hanno lo stesso rapporto lavoro / capitale.

Tuttavia, i settori produttivi usano tecniche differenti.

E' raro che abbiano lo stesso rapporto capitale / lavoro.

La composizione organica e tecnica del capitale è differente nei settori produttivi.

Per questa ragione, nel capitalismo i prezzi di produzione divergono dal lavoro contenuto delle merci.

le merci sono prodotte con tecniche diverse

Questo causa la redistribuzione del plusvalore da un settore produttivo a un altro.

In conclusione, secondo Marx lo sfruttamento del lavoro è insito nel capitalismo.

Nota. Anche se i prezzi redistribuiscono il reddito tra i vari settori dell'economica, la produzione totale aggregata resta comunque uguale al valore-lavoro contenuto delle merci prodotte. Per questo motivo l'analisi macroeconomica di Marx viene svolta in termini di lavoro-contenuto.

L'analisi aggregata del valore nel sistema economico

Secondo Marx l'uguaglianza tra valori-lavoro e prezzi si presenta comunque in ambito macroeconomico, quando i dati del sistema economico sono aggregati.

In pratica, il valore-lavoro non riflette il valore di scambio di una merce nel singolo settore economico.

Tuttavia, il prodotto aggregato del sistema è sempre lo stesso e riflette il lavoro contenuto di tutte le merci.

La valutazione delle merci in lavoro-contenuto è indipendente dalla distribuzione del reddito.

Nota. I prezzi spostano il plusvalore da un settore all'altro ma non ne modificano l'intensità. La grandezza economica aggregata del sistema economico non cambia e non viene influenzata dalla distribuzione del plusvalore.

Per questo motivo Marx non utilizza i prezzi nell'analisi aggregata del sistema. Per calcolare le grandezze aggregate del saggio di profitto e del saggio di sfruttamento è sufficiente conoscere la tecnica produttiva e il salario reale.

La critica alla teoria del valore marxiana

In realtà, la distribuzione del plusvalore e del reddito modifica il valore del prodotto lordo aggregato e le altre grandezze aggregate del sistema economico.

Pertanto, l'uguaglianza tra prezzi e lavoro contenuto non si presenta nemmeno in ambito aggregato.

La sola conoscenza del salario reale e delle tecniche non è sufficiente per calcolare il saggio di profitto aggregato e il saggio di sfruttamento aggregato.

https://www.okpedia.it/teoria-del-valore-di-karl-marx



Karl Marx

  1. Karl Marx
  2. Il pluslavoro
  3. La scuola marxista
  4. La teoria del valore di Marx
  5. La teoria del salario
  6. La teoria della moneta
  7. Le crisi economiche cicliche nel capitalismo
  8. Le leggi del movimento

Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.