Pluslavoro

Il pluslavoro è il valore generato dalle ore di lavoro non pagate ai lavoratori. Secondo Marx, il capitalista remunera soltanto una parte della giornata lavorativa, quella sufficiente alla reintegrazione della forza-lavoro e si appropria delle restanti ore per valorizzare il capitale.

Un esempio pratico di pluslavoro

La giornata lavorativa è composta da otto ore. Nelle prime cinque ore di lavoro viene prodotta una quantità di valore sufficiente per consentire alla famiglia del lavoratore di vivere e riprodursi.

Queste ore remunerano il salario di sussistenza e sono dette lavoro necessario.

il pluslavoro e il plusvalore sono la stessa cosa

Le restanti tre ore di lavoro della giornata danno origine al plusvalore di cui si appropria il capitalista per valorizzare il capitale e alimentare l'accumulazione.

Pertanto, il plusvalore ha origine dal lavoro.

la teoria dello sfruttamento del lavoro di Karl Marx

Secondo Marx il profitto del capitalista ha origine dallo sfruttamento del lavoro, ossia dalle ore lavorate ma non pagate ai lavoratori ( pluslavoro ).

Il plusvalore assoluto e relativo

Un capitalista può accrescere il plusvalore ( PV ) aumentando la quantità di ore della giornata lavorativa ( L ) oppure riducendo il lavoro necessario ( LN ).

il plusvalore è originato dalla differenza tra la forza lavoro (L) e il lavoro necessario (LN)

Emergono due tipologie di plusvalore:

  1. Il plusvalore assoluto è l'incremento delle ore di lavoro ( L ). Il lavoratore lavora di più, oltre il dovuto.
  2. Il plusvalore relativo è la riduzione del lavoro necessario ( LN ) ossia delle ore di lavoro destinate alla sopravvivenza e riproduzione della famiglia del lavoratore. A parità di ore di lavoro giornaliere ( L ).

Il lavoro necessario non può essere ridotto al di sotto del salario di sussistenza.

Pertanto, quando il lavoratore percepisce già un salario di sussistenza, il capitalista può ridurre il lavoro necessario aumentando la produttività del lavoro a parità di ore lavorate.

Nota. Un capitalista può ridurre il lavoro necessario anche utilizzando la forza lavoro degli altri membri della famiglia del lavoratore. Un esempio è lo sfruttamento del lavoro minorile.

Lo schema analitico della teoria dello sfruttamento

Karl Marx costruisce la sua teoria dello sfruttamento analizzando la struttura della produzione.

Secondo Marx il valore del prodotto lordo è uguale al lavoro impiegato direttamente ( lavoro vivo o capitale variabile ) e indirettamente ( lavoro morto o capitale costante ) per produrlo.

Il valore del prodotto netto, invece, coincide con il lavoro vivo.

Per semplificare la spiegazione analitica si ricorre a un semplice modello grano-grano.

Cos'è il modello grano-grano? E' un modello semplificato dove il grano è contemporaneamente il prodotto, il capitale e il salario. I lavoratori sono pagati in grano.

Il valore lavoro di un'unità di prodotto ( grano ) è composto dal capitale costante C e dal capitale variabile V.

il valore del prodotto lordo è uguale al capitale costante C e al capitale variabile V

Il capitale costante C è uguale alla quantità di sementi ( k ) contenuta in un'unità di grano.

il capitale costante C è uguale al lavoro morto ( o lavoro morto ), ossia ai sementi contenuti nel prodotto

Il capitale variabile V è uguale al valore della forza lavoro v moltiplicato per il lavoro impiegato direttamente ( l ).

il capitale variabile è uguale al lavoro vivo per il valore della forza lavoro

Sostituendo C e V nell'equazione precedente si ottiene la seguente equazione del valore.

il valore del prodotto lordo senza surplus

Tuttavia, oltre al capitale variabile (V) e costante (C), nel capitalismo il prodotto lordo contiene anche il plusvalore (S).

nel capitalismo si verifica il plusvalore S

Il plusvalore è uguale alla differenza tra il valore del lavoro vivo (l) e il lavoro necessario ( lv ).

il plusvalore è uguale al valore lavoro contenuto meno il valore della forza valore impiegata

Pertanto, il plusvalore S ha sempre origine dal lavoro.

L'esistenza del plusvalore ha origine dallo sfruttamento del lavoro.

Esempio. La giornata lavorativa (l) è di otto ore e il lavoro necessario per riprodurre la forza lavoro è di cinque ore (vl). In questo caso il capitalista si appropria di tre ore di lavoro (l-lv).

Se i lavoratori lavorassero soltanto per se stessi ( v=1 ) non ci sarebbe alcun plusvalore, e nessuna forma di sfruttamento del lavoro.

https://www.okpedia.it/pluslavoro



Karl Marx

  1. Karl Marx
  2. Il pluslavoro
  3. La scuola marxista
  4. La teoria del valore di Marx
  5. La teoria del salario
  6. La teoria della moneta
  7. Le crisi economiche cicliche nel capitalismo
  8. Le leggi del movimento