OKPEDIA DISOCCUPAZIONE

Disoccupazione naturale

La disoccupazione naturale è il livello di disoccupazione a cui tende il sistema economico nel lungo periodo. Si differenzia dalla disoccupazione ciclica di breve periodo che, invece, è influenzata dalla congiuntura economica e oscilla intorno al valore della disoccupazione naturale. La disoccupazione naturale viene misurata in termini percentuali sulla popolazione attiva tramite il tasso naturale di disoccupazione. È determinata da componenti frizionali e strutturali.

  • Disoccupazione frizionale. È una forma di disoccupazione che ha origine a causa della presenza di frizioni temporanee sul mercato del lavoro, tra domanda di lavoro e offerta di lavoro. La scarsità di informazioni sufficienti a garantire un incontro immediato tra la domanda e l'offerta di lavoro, determina un lasso di tempo di attesa tra la fine di un impiego di lavoro e l'inizio di un altro impiego. Ad esempio, chi cerca lavoro deve consultare gli annunci di lavoro delle imprese, trovare le occasioni di impiego in base alla propria qualifica e specializzazione, deve inviare i curriculum, partecipare alle selezioni del personale, ecc. Questo lasso di tempo necessario per trovare un altro posto di lavoro è detto "naturale" ( o fisiologico ).
  • Disoccupazione strutturale. La disoccupazione strutturale è un tipo di disoccupazione che ha origine da cause strutturali, tecnologiche, dal rapporto produttività/salario, dalla rigidità del salario reale o dalla mancanza di coincidenza qualitativa tra domanda e offerta, dalla presenza di un salario minimo garantito superiore al salario di equilibrio, dalla tendenza delle imprese di riconoscere un salario di efficienza ai propri lavoratori o da un elevato potere di contrattazione dei sindacati.

La disoccupazione naturale è classificata tra le forme di disoccupazione involontaria. La riduzione del tasso di disoccupazione al di sotto del suo livello naturale è un obiettivo difficilmente raggiungibile. Qualsiasi intervento di politica economica non può influenzare il tasso naturale di disoccupazione. I policy maker possono influenzare la disoccupazione effettiva tramite la politica economica ma non anche la disoccupazione naturale. È comunque possibile ridurre la disoccupazione naturale tramite riforme strutturali del mercato del lavoro, sia organizzative che tecnologiche, per favorire il libero accesso alle informazioni.

Pieno impiego. La disoccupazione naturale coincide con la disoccupazione effettiva al livello potenziale della produzione aggregata ( piena produzione ). In tali circostanze non esistono altre cause di disoccupazione, tranne quella frizionale-naturale. Dal punto di vista teorico corrisponde al tasso di disoccupazione secondo la teoria dell'economia classica ( economisti classici ).

Teoria economica. In economia politica il concetto di disoccupazione naturale e di tasso di disoccupazione naturale viene coniato dagli economisti negli anni '60-70 del Novecento, in particolar modo da Milton Friedman e Edmund Phelps. È un termine utilizzato per interpretare la curva di Phillips.

https://www.okpedia.it/disoccupazione_naturale



Disoccupazione


Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.