OKPEDIA LICENZIAMENTO


Licenziamento per giusta causa

Il licenziamento per giusta causa è la cessazione del rapporto di lavoro a seguito di cause che non consentano la prosecuzione anche temporanea del rapporto. È uno dei casi di licenziamento previsti in Italia, ai sensi della Legge 604 del 1966. Il licenziamento per giusta causa è previsto dal legislatore italiano nell'articolo 2119 del codice civile, tramite il quale il legislatore riconosce alle parti la possibilità di recesso dal contratto di lavoro a tempo indeterminato, senza necessità di preavviso, qualora si verifichino fatti ed eventi di particolare gravità, tali da pregiudicare gli elementi essenziali del rapporto di lavoro e il rapporto di fiducia tra datore di lavoro e lavoratore. Il licenziamento per giusta causa comporta la risoluzione anticipata del contratto di lavoro ( ante tempus ) e l'interruzione immediata del rapporto di lavoro. Il licenziamento per giusta causa può essere determinato, ad esempio, dalla condotta e dal comportamento doloso o colposo del lavoratore che reca danni al datore di lavoro ( es. furto, grave insubordinazione, licenziamento per disvalore ambientale, ecc. ). In tali casi il datore di lavoro può intimare legittimamente il licenziamento del lavoratore. La giusta causa del licenziamento può essere ravvisata per i seguenti casi:

  • Inadempienza contrattuale. Il fatto ha origine da un comportamento che viola esplicitamente il rapporto contrattuale tra lavoratore e datore di lavoro. Questa causa di licenziamento ha origine per una palese violazione degli obblighi contrattuali.
  • Origine extra-contrattuale. La giusta causa del licenziamento può avere origine anche per fatti estranei al rapporto contrattuale ( extracontrattuali ) tra datore di lavoro e lavoratore, tali da generare effetti e conseguenze sull'ambiente di lavoro, facendo venire meno il rapporto di fiducia tra datore di lavoro e lavoratore.

Le cause legittimazione del licenziamento per giusta causa sono disciplinate per tipizzazione nei contratti collettivi. Tuttavia, un giudice del lavoro può riconoscere la giusta causa di un licenziamento anche valutando fattispecie non incluse nella tipizzazione del contratto collettivo di riferimento.

Preavviso di licenziamento. Essendo originato da fatti di particolare gravità, il licenziamento per giusta causa è una fattispecie di recesso dal rapporto di lavoro che esclude l'obbligo di preavviso di licenziamento.

Trattamento di Fine Rapporto ( TFR ). Il licenziamento per giusta causa non modifica il diritto del lavoratore al percepimento del Trattamento di Fine Rapporto, dovuto in base al calcolo e alle modalità previste dal contratto di lavoro.

https://www.okpedia.it/licenziamento_per_giusta_causa




Licenziamento

Dimissioni

TFR