La teoria del salario mercantilista

I mercantilisti costruiscono la propria teoria del salario sull'ipotesi di una correlazione inversa tra il salario e l'offerta di lavoro. Secondo i mercantilisti l'offerta di lavoro raggiunge il suo livello massimo quando il salario è al livello di sussistenza. Se i lavoratori sono pagati al livello di sussistenza, appena sufficiente a soddisfare le esigenze alimentarie della famiglia, questi sono disponibili a lavorare in qualsiasi condizioni di lavoro ( orario, ambiente di lavoro, ecc. ).

Va considerato che, nel XVII secolo, molte condizioni di lavoro nelle officine manifatturiere dei centri urbani sono considerate peggiori rispetto al lavoro nelle campagne. Soltanto una condizione di estrema necessità di sopravvivenza potrebbe spingere una famiglia a rinunciare al lavoro contadino e alla vita di campagna ( es. recinzione delle terre ) per emigrare nelle zone sub-urbane delle città europee pre-industriali, dove le condizioni di vita sono peggiori e gli orari di lavoro sono prolungati.

mappa concettuale della teoria del salario dei mercantilisti

Quando le condizioni di lavoro sono pessime, secondo i mercantilisti, qualsiasi aumento del salario spinge i lavoratori a ridurre la propria disponibilità a lavorare ( offerta di lavoro ) per aumentare la domanda di tempo libero. In base a questa visione la crescita del salario non farebbe aumentare la produttività del lavoro ma, al contrario, tenderebbe a ridurre la quantità di manovalanza nel sistema industriale, causando un freno alla crescita economica e produttiva del paese.

La scelta di mantenere il salario di sussistenza è giustificato dai policy maker mercantilisti anche da altre ragioni extra-economiche di natura politico, ideologica o morale ( dissolutezza, ozio, diserzioni, ecc. ). Si tratta, tuttavia, di motivazioni aggiuntive o ulteriori giustificazioni a sostegno del salario minimo, che nulla aggiungono alla visione economica mercantilista della correlazione inversa tra salario e offerta di lavoro.

la teoria del salario della scuola mercantilista

Nella teoria mercantilista la curva di offerta del lavoro ha un'inclinazione negativa. Nel punto A il sistema economico si trova in equilibrio, la domanda di lavoro viene soddisfatta dall'offerta di lavoro in corrispondenza della piena occupazione. Non esiste scarsità di lavoro e, pertanto, il salario permane al suo livello minimo di sussistenza ( Ws ). In corrispondenza del salario di sussistenza l'offerta di lavoro è infinitamente elastica, ogni aumento della domanda di lavoro è immediatamente soddisfatto, a parità di salario reale ( ws ), poiché una parte della popolazione è disoccupata.

la teoria del salario mercantilista e la crescita economica

La crescita della produzione oltre la piena occupazione sposta verso l'esterno la curva della domanda di lavoro ma, in questo caso, la domanda non è più soddisfacibile. L'equilibrio si sposta dal punto A al punto B, ove si verifica una situazione di scarsità del lavoro, in quanto la domanda di lavoro eccede l'offerta di lavoro. Per trovare la manovalanza le industrie sono costrette ad aumentare il salario. Il sistema torna in equilibrio nel punto C, in corrispondenza di un salario reale più alto ( w1 ) e, paradossalmente, della minore quantità di forza lavoro disponibile ( L1 ) che frena la crescita economico-produttiva del paese ( ricchezza della nazione ) e l'accumulazione di capitale delle imprese.

crescita demografica e crescita economica / produttiva ( teoria mercantilista )

Per evitare qualsiasi freno alla crescita economica e produttiva, gli economisti mercantilisti auspicano una crescita demografica sempre pari o superiore alla crescita della domanda di lavoro. In tali circostanza non si verifica la scarsità di lavoro e il salario resta al suo livello di sussistenza ( ws ). La crescita demografica sposta il limite della piena occupazione, dando al sistema economico una maggiore capacità di crescita economico-produttiva.

https://www.okpedia.it/la_teoria_del_salario_mercantilista



note


  • Teoria demografica dei mercantilisti. La teoria del salario si ricollega alla teoria demografica mercantilista. Secondo gli economisti mercantilisti, la crescita della produzione industriale potrebbe essere ostacolata da una crescita demografica troppo bassa. Soltanto una crescita demografica elevata può garantire un'offerta del lavoro ai massimi livelli, in modo tale da soddisfare qualsiasi aumento della domanda di lavoro proveniente dalle industrie, senza alcuna spinta al rialzo sui salari.
  • Scarsità di forza lavoro e salario reale elevato. Ciò che spaventa i policy maker mercantilisti non è il salario reale come costo di produzione, né l'ipotesi dei salari reali elevati ( costo del lavoro ). In un'epoca di rapida espansione dei commerci e di scarsa concorrenza internazionale nella produzione ( XVII-XVIII secolo ), i produttori possono applicare prezzi di vendita molto alti, riuscendo a remunerare i lavoratori anche con un salario reale più alto. Ciò che preoccupa veramente i mercantilisti è l'ipotesi della scarsità di forza lavoro. Senza sufficienti risorse lavorative, l'espansione della capacità produttiva e l'accumulazione di capitale tendono a rallentare e a fermarsi. Per questa ragione i mercantilisti sostengono soprattutto l'adozione delle politiche demografiche a favore della crescita della popolazione, più che l'adozione di salari reali di sussistenza. Soltanto una crescita costante della popolazione elimina il rischio di un eccesso di domanda di lavoro e ogni ostacolo alla crescita della produzione e all'accumulazione di capitale nel settore industriale.
  • Nel XVII secolo l'economista e finanziere inglese Josiah Child, uno degli azionisti della Compagnia delle Indie Orientali, spiega il presentarsi dei salari reali più elevati nelle società industriali come un fenomeno normale, conseguente alla crescente ricchezza nazionale. Pur essendo favorevole a una politica di salari reali bassi, Child non sembra spaventato dall'osservazione dei salari reali più alti. E' invece preoccupato della crescita demografica, scarsa o non sufficiente a garantire un'adeguata forza lavoro nazionale.

Mercantilismo


Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.