OkPedia  |  pdfStampa | pdfPDF |

Home |

Scilla

Secondo la mitologia greca, Scilla era una ninfa trasformata in mostro marino. Scilla viveva in Sicilia ed era solita recarsi sulla spiaggia di Zancle e fare il bagno nell’acqua del mare. Una sera, vicino alla spiaggia, vide apparire dalle onde Glauco, figlio di Poseidone, un dio marino metà uomo e metà pesce. Glauco s'innamorò di Scilla, che rifiutò il suo amore: Glauco si recò dala maga Circe per farsi preparare una pozione, ma la maga si innamorò del dio, che a sua volta la rifiutò. Circe, per vendetta, gettò una maledizione su Scilla e la trasformò in modo che sino al bacino era ancora una ninfa ma al posto delle gambe spuntavano sei musi feroci di cane. Per l’orrore Scilla si gettò in mare e andò a vivere nella cavità di uno scoglio vicino alla grotta dove abitava anche Cariddi ( okpedia ).

Il comune di Scilla Ŕ situato in Calabria nella provincia di Reggio di Calabria. Il comune si trova a 72 metri dal livello del mare ed Ŕ classificato come comune litoraneo. Il suo territorio Ŕ caratterizzato dalle colline e dalla costa ha una superficie di circa 43,7 chilometri quadri e una popolazione di 5139 abitanti nel 2010. Gli abitanti sono chiamati scillesi (in dialetto reggino scigghijtÓni). Il comune Ŕ suddiviso in frazioni tra cui Favazzina, Solano Superiore, Melia.

Il suo territorio confina con Santo Stefano in Aspromonte, Bagnara Calabra, Roccaforte del Greco, Sant'Eufemia d'Aspromonte, Sinopoli, Fiumara, San Roberto, Villa San Giovanni. Il santo patrono del comune Ŕ San Rocco. Scilla festeggia la festa patronale il 16 agosto. Il comune Ŕ situato alle coordinate geografiche 38░15'00"N-15░43'00"E e il suo territorio Ŕ classificato a sismicitÓ elevata.

condividi






 
 
commenti