I bioelementi

I bioelementi (o elementi biogeni) sono gli elementi chimici di base degli organismi viventi animali e vegetali. Questi elementi sono gli stessi presenti nel mondo minerale della materia inorganica. Il termine è composto dalla parola bio ( vita ) ed elementi ( elementi chimici ). Sono gli elementi alla base della vita.

Gli elementi biogeni rappresentano soltanto una minima parte degli elementi chimici. Sulla Terra sono presenti circa 92 elementi chimici naturali, a cui si aggiungono altri elementi artificiali sintetizzati dall'uomo. Gli elementi biogeni, quelli presenti negli organismi viventi, sono circa una ventina.

Alcuni esempi di bioelementi sono l'azoto, il carbonio, l'idrogeno, l'ossigeno. Questi elementi possono essere trovati sia nella materia organica ( essere vivente ) che in quella inorganica ( minerale ).

Le biomolecole

Sia nella materia organica che in quella inorganica gli atomi degli elementi chimici possono unirsi e comporre struttura più grande detta molecola. L'unione degli elementi biologici crea una particolare molecola, detta biomolecola. Le biomolecole sono presenti negli esseri viventi e sono molto più complesse rispetto alle molecole della materia non vivente.

La materia è costituita da sostanze semplici (detti elementi) e da sostanze composte. L'elemento è l'unità elementare che non può essere chimicamente scomposta in una sostanza più semplice in quanto è composto da atomi uguali. Ad esempio, l'ossigeno,, l'idrogeno e il carbonio sono elementi. Volendo dare una definizione sintetica possiamo dire che "un elemento è una molecola formata da atomi uguali". L'atomo è la parte più piccola dell'elemento e conserva le medesime caratteristiche fisiche e chimiche dell'elemento.

Classificazione degli elementi

Sulla Terra sono stati identificati 92 elementi naturali (vedi per approfondimento elementi chimici negli appunti di chimica) a cui si aggiungono un'altra ventina di elementi sintetizzati dall'uomo (detti elementi artificiali). Tutti gli elementi sono indicati con l'iniziale (o le prime due iniziali) del loro nome in latino. Ad esempio, l'idrogeno ha il simbolo H che deriva dalla parola latina Hydrogenum (idrogeno), il ferro ha il simbolo Fe che deriva dalla parola latina Ferrum (ferro), il rame ha il simbolo Cu che deriva dalla parola latina Cuprum (rame) e via dicendo.

Bioelementi

Come sappiamo, la materia si distingue in materia vivente e materia inanimata. Gli esseri viventi sono composti dagli stessi componenti elementari della materia inanimata. Per la precisione, gli esseri viventi sono costituiti da un gruppo di una ventina di elementi chimici detti elementi biogeni o bioelementi. I più comuni bioelementi sono l'ossigeno, il carbonio, l'azoto e l'idrogeno. Come tutti gli elementi della materia anche i bioelementi possono essere organizzati in strutture complesse (molecole). Per distinguere le molecole della materia vivente da quelle del regno minerale, le molecole della materia vivente sono indicate con il termine di "biomolecole" (o molecole organiche). Gli elementi biogeni possono unirsi in biomolecole elementari (sostanze aggregate con atomi del medesimo elemento) o biomolecole composte (sostanze aggregate con due o più atomi di diversi elementi).

condividi su Facebook

 
 
commenti