OKPEDIA BARBARI

Invasioni barbariche

Le invasioni barbariche sono le continue incursioni all'interno dei confini dell'impero romano da parte delle popolazioni esterne alle frontiere. Queste popolazioni sono molto diverse tra loro ma sono comunemente indicate dai romani come barbari. Inizialmente si tratta di semplici scorrerie e saccheggi all'interno dell'impero romano, per poi trasformarsi in vere e proprie migrazioni di popoli. Le principali cause determinanti delle invasioni barbariche sono la crescita demografica delle popolazioni lungo le frontiere dell'impero romano, la scarsità della terra e delle risorse, la pressione migratoria di altri popoli provenienti da oriente e la crescente debolezza politico-militare dell'impero ( crisi impero romano ) provocata dalle lotte interne per il potere e dall'anarchia militare. Le invasioni barbariche caratterizzano la storia del tardo impero romano dal secondo al quinto secolo dopo Cristo. Il periodo è suddiviso in quattro fasi:

  • Guerre marcomanniche ( 166-189 ). Le continue incursioni delle tribù germaniche costringono i romani a impegnarsi in una guerra di protezione delle frontiere settentrionali. Si tratta perlopiu di saccheggi e di incursioni predatorie di piccole tribù di confine attratte dalle ricchezze romane o dalle terre di confine. Questi fenomeni avvengono in un momento in cui l'impero è alla sua massima espansione ed è ancora molto forte. Ciò nonostante, le legioni romane mostrano non poche difficoltà a contenere le invasioni della tribù germanica dei marcomanni.
  • Invasioni barbariche del III secolo ( 212-305 ). Nel terzo secolo dopo Cristo penetrano tra i confini dell'impero romano diverse popolazioni esterne. La dinastia persiana dei sassanidi invade i territori romani in Mesopotamia, Armenia e Siria. I Goti varcano il fiume Danubio per occupare alcuni territori della regione balcanica mentre gli alemanni e i franchi oltrepassano il fiume Reno verso la Gallia.
  • Invasioni barbariche del IV secolo ( 305-399 ). L'impero viene suddiviso in occidente e oriente per difendersi meglio dalle continue invasioni barbariche. Gli imperatori si rendono però conto dell'impossibilità di fronteggiare le invasioni soltanto con l'uso della forza militare e adottano una nuova strategia politico-diplomatica e di integrazione.
  • Invasioni barbariche del V secolo ( 400-476 ). L'impero romano di occidente viene distrutto dai saccheggi e dalle continue invasioni barbariche. La stessa città di Roma subisce il sacco nel 410 dopo quasi mille anni dal precedente. Gran parte dei territori dell'impero romano di occidente si trasformano in regni barbarici o romano-barbarici indipendenti. La stessa romanità è ormai fusa o assorbita dai costumi barbarici e l'esercito romano è prevalentemente composto da soldati e da mercenari di origine barbarica. Uno di questi, Odoacre, nel 476 conquista Ravenna e depone l'ultimo imperatore romano di occidente, Romolo Augustolo, inviando le insegne imperiali all'imperatore d'oriente Zenone. Con questo atto si conclude ufficialmente l'impero romano di occidente.
https://www.okpedia.it/invasioni_barbariche



Barbari

Regni barbarici

Popolazioni e tribù