OKPEDIA WIRELESS

Wireless

Il wireless è un insieme di tecnologie che consentono la comunicazione tra computer senza alcun collegamento via cavo. Il termine wireless è composto dalle parole inglesi "wire" (filo) e "less" (senza), può essere tradotta letteralmente "senza fili". I dispositivi wireless comunicano tra loro mediante onde radio, infrarossi o laser. Con wireless si identificano tutte le tecnologie di trasmissione dati che non fanno uso del collegamento fisico via cavo e può identificare sia la tecnologia, sia la caratteristica del prodotto ( es. modem wireless, stampanti con collegamento wireless ecc ). Le prime tecnologie wireless si diffondono in commercio nei primi anni duemila e si basano sull'utilizzo dei raggi infrarossi per collegare un computer agli accessori e periferiche esterne ( es. fotocamere digitali, stampanti, computer palmari ). L'interfaccia di collegamento a raggi infrarossi consente uno scambio dati molto limitato, i due dispositivi devono essere posti molto vicino l'uno con l'altro, senza ostacoli nel mezzo, e la velocità di trasferimento dei dati è molto bassa. Per superare questi handicap si diffondono successivamente la tecnologia Bluetooth e la tecnologia Wi-Fi.

  • Bluetooth. L'interfaccia di collegamento Bluetooth è in grado di collegare gli apparecchi tramite l'uso delle onde radio in un raggio di pochi metri, senza porre in linea d'aria diretta i vari dispositivi Il raggio di azione del Bluetooth è limitato a pochi metri. È adatto per collegare il telefono cellulare al vivavoce dell'automobile o gli accessori al computer.
  • Wi-Fi. La tecnologia Wi-Fi (Wireless Fidelity) utilizza onde radio più potenti e consente una copertura per centinaia di metri. Il Wi-Fi è utilizzato sia per il collegamento locale tra il computer e il modem adsl che per l'accesso pubblico alle reti locali o internet da parte dei dispositivi elettronici mobile ( smartphone, tablet, ecc. ).
https://www.okpedia.it/wireless



note


  • Limitazioni del wireless. In città il Wi-Fi limita il suo raggio di azione ad un centinaio di metri. Le interferenze elettromagnetiche dell'etere urbano (tv, radio, ecc.) disturbano facilmente la trasmissione Wi-Fi a distanze superiori. Per potenziare il segnale è necessario installare anche dei ripetitori locali per garantire una copertura completa dell'area. Non sono necessari dei ripetitori per le piccole utenze casalinghe, l'uso della ripetizione dei segnali è necessaria soltanto per reti geografiche come grandi uffici, palazzi o stabilimenti. Un altro limite molto importante è la frequenza utilizzata dalla rete confinante. In una stessa area possono convivere diverse reti wirless tarate su diverse frequenze. In caso contrario sussiste il rischio di interferenze e disturbi vari. Per legge le reti wireless devono avere un uso privato a corto raggio. La potenza di emissione dell'antenna dovrà pertanto essere limitata e coprire soltanto alcune frequenze standard predefinite in fase di produzione dei dispositivi Wi-Fi.
  • Problemi di sicurezza del wireless.I problemi della sicurezza delle reti Wi-Fi hanno trovato spesso grande attenzione dai media. Si possono facilmente verificare intrusioni esterne da parte di utenti esperti, ad esempio per utilizzare a sbafo la connessione ad internet. È sufficiente ricercare in città le zone esterne coperte dai segnali delle zone wireless per accedere alle risorse dell'intera rete. Questi problemi sono stati risolti con l'introduzione dei sistemi di criptaggio del segnale (ad esempio il Wired equivalent protection). In questi ultimi casi soltanto gli utenti in grado di decriptare il segnale radio hanno accesso alla rete e alle risorse collegate.
  • Rete wireless domestica. Per creare una rete wireless casalinga è sufficiente acquistare un dispositivo emittente, detto access point, in grado di trasformare segnali digitali in segnali radio. Ogni dispositivo elettronico della casa dovrà essere dotato di una scheda interfaccia Wi-Fi con funzione emittente e ricevente in un certo range di frequenza. I dispositivi collegati saranno posti in rete wireless comunicando tra loro allo stesso modo dei vecchi collegamenti via cavo.
  • Hot Spot. Gli Hot Spot sono particolari aree in cui collegarsi in rete mediante telefonino, computer o palmari in modo wireless. Molti ristoranti offrono questo servizio aggiuntivo nelle ore di pranzo per consentire ai clienti di collegare il proprio computer a internet senza alcun ausilio di cavi. Gli hot spot si stanno diffondendo in Europa in molti luoghi pubblici come aeroporti, hotel, centri congressi e università.

Wireless ( informatica )


Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono presenti alcuni cookie di terzi ( Gooogle, Facebook ) per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Cliccando su OK, scorrendo la pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all’uso dei cookie.

Per ulteriori informazioni o per revocare il consenso fai riferimento alla Privacy del sito.