OKPEDIA TREDICESIMA MENSILITà

Tredicesima mensilità

La tredicesima è una mensilità aggiuntiva riconosciuta ai lavoratori dipendenti che riconosce agli stessi una gratifica prima dell'arrivo del periodo natalizio. La tredicesima mensilità è stata introdotta in Italia nel 1937 come gratifica natalizia per i lavoratori delle industrie. La decisione formalizza e rende obbligatoria la già diffusa prassi delle grandi imprese industriali di riconoscere, su base volontaria, delle gratifiche natalizie ai propri dipendenti.

La denominazione "tredicesima" ha origine dal fatto che la mensilità viene erogata al datore di lavoro nel mese di dicembre dopo la dodicesima busta paga dell'anno solare. Successivamente la tredicesima mensilità viene estesa per legge a tutti gli operai e a tutti i lavoratori tramite il d.P.R. n.1070 del 1960. La tredicesima mensilità è disciplinata in ogni singolo contratto collettivo nazionale del lavoro (CCNL). La tredicesima è riconosciuta ai lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato o con contratto a tempo determinato.

La tredicesima mensilità viene erogata in busta paga nel mese di dicembre ai lavoratori dipendenti ( rapporto di lavoro subordinato ) con contratto a tempo determinato o indeterminato, nel periodo antecedente alle festività natalizie. Essendo antecedente al periodo natalizio ha una grande importanza sull'andamento dei consumi nel mese di dicembre e sulle spese per i regali. È spesso utilizzata dai lavoratori anche per coprire alcune spese periodiche di elevato importo (es. rate del mutuo, assicurazione auto, ecc.)

Il calcolo della tredicesima mensilità

La tredicesima mensilità matura ogni mese e viene erogata dal datore di lavoro una volta all'anno nel periodo antecedente al Natale. I criteri di calcolo sono specificati nel dettaglio all'interno dei C.C.N.L. di ogni settore economico. In generale l'importo della tredicesima è pari a una mensilità se il lavoratore ha lavorato per un anno intero o in proporzione (dodicesimi) per ogni mese di lavoro prestato nell'anno solare.

Nel calcolo della tredicesima sono computati anche i periodi di assenza retribuita del lavoro come, ad esempio, il congedo per maternità, l'eventuale astensione anticipata, il congedo matrimoniale, le ferie, le festività, i permessi retribuiti, riposi giornalieri per allattamento ecc. Non rientrano nel computo della tredicesima le assenze dal lavoro non retribuite.

L'origine del termine

Tredicesima mensilità. La denominazione tredicesima deriva dal fatto che il lavoratore percepisce la "tredicesima" mensilità nel mese di dicembre, immediatamente dopo aver ricevuto la dodicesima mensilità in busta paga. La materia è disciplinata direttamente nei contratti nazionali del lavoro. Spetta ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato. Non è, invece, riconosciuta nel caso delle collaborazioni (es. lavoratori a progetto). La tredicesima non va confusa con la quattordicesima mensilità che, al contrario, viene erogata in alcuni contratti di lavoro nel mese di giugno.

La tredicesima mensilità è una retribuzione aggiuntiva riconosciuta ai lavoratori subordinati a tempo indeterminato o a tempo determinato. In genere è una retribuzione aggiuntiva che il lavoratore matura nel corso dell'anno lavorativo ed è erogata come mensilità aggiuntiva nel periodo pre-natalizio (dicembre). Il calcolo della tredicesima mensilità è determinato in ogni c.c.n.l. - In via generale si tratta di un importo prelevato in ogni retribuzione mensile (nel caso delle retribuzioni fisse) o dopo un determinato numero di ore lavorative (nel caso delle retribuzioni variabili). L'importo della tredicesima è determinato sulla base dell'ultima mensilità di busta paga (stipendio) e sul numero dei mesi lavorati nel corso dell'anno. La tredicesima viene riconosciuta anche in caso di cessazione del rapporto lavorativo (es. dimissioni o licenziamento) prendendo come base l'ultima mensilità percepita dal lavoratore. La tredicesima è stata introdotta nel 1937 per i lavoratori impiegati del settore industria ed estesa a tutti i lavoratori operai nel 1960 (decreto Presidente della Repubblica n.1070/60).


commenti

note

  • Calcolo della Tredicesima. L'importo della tredicesima è generalmente pari a una mensilità e matura di mese in mese nel corso dell'anno solare. Un lavoratore che abbia lavorato per tutti i dodici mesi dell'anno solare ha quindi diritto alla tredicesima per intero. In caso contrario la tredicesima è pari al numero dei mesi lavorati da parte del lavoratore nel corso dell'anno solare. Nel calcolo della tredicesima sono compresi i giorni di assenza giustificata dal lavoro per permessi retribuiti, ferie o congedi retribuiti (es. congedo maternità, congedo matrimoniale). Sono, invece, escluse le assenze dal lavoro non retribuite.

OKPEDIA