Pierre-Joseph Proudhon

Pierre-Joseph ProudhonPierre-Joseph Proudhon è un politico francese del XIX secolo. Nasce a Besançon nel 1809. Dopo aver condotto un percorso di studio da autodidatta, si dedica all'attività politica. Propone diverse riforme sociali. È un teorico dell'anarchia e del socialismo. Elabora un modello di socialismo su posizioni individualiste, egualitarie e libertarie. Per queste sue idee è duramente criticato da Karl Marx che lo accusa di fare l'interesse della piccola borghesia. Nel 1848 partecipa ai moti rivoluzionari. Muore a Parigi nel 1865.

La critica alla proprietà privata dei mezzi di produzione

Proudhon considera la proprietà privata come un furto.

Secondo Proudhon la proprietà privata dei mezzi di produzione permette ai capitalisti di appropriarsi del prodotto degli operai. A suo avviso è una rendita parassitaria.

La proprietà privata è la causa dello sfruttamento dei lavoratori.

la proprietà privata dei mezzi di produzione causa lo sfruttamento del lavoro

Tuttavia, non l'autore chiede l'abolizione della proprietà privata ma soltanto dei suoi eccessi.

Proudhon propone la proprietà diffusa e generalizzata dei mezzi di produzione della fabbrica tra i lavoratori.

In questo modo, si concilia il capitale ( efficienza ) con l'armonia sociale ( equità ).

Per diffondere la proprietà dei mezzi di produzione, Proudhon rigetta l'ipotesi di una redistribuzione forzata dai capitalisti ai lavoratori.

Preferisce fornire ai lavoratori il capitale monetario ( credito gratuito ) per avviare un'impresa.

Proudhon rifiuta la lotta di classe come strumento di rivendicazione dei diritti dei lavoratori. Per affermare il socialismo ritiene più efficace la via delle riforme sociali e politiche.

Il socialismo individuale e libertario di Proudhon

Proudhon non ritiene l'organizzazione di fabbrica più efficiente rispetto all'organizzazione individuale.

A suo giudizio gli individui hanno la capacità di organizzarsi spontaneamente. Per questo motivo non propone il controllo del sistema da parte di un'autorità centrale.

Nota. Proudhon è molto critico nei confronti del socialismo organicista ( comunismo collettivista e statalista ) e dello statalismo.

L'autore elabora un modello di socialismo fondato sulla libertà individuale.

la visione di socialismo libertario di Proudhon

I lavoratori si riuniscono tra loro in piccole cooperative artigianali e industriali.

Per favorire la nascita delle cooperative, i lavoratori possono accedere al credito gratuito. In questo modo, qualsiasi lavoratore può avviare il processo di accumulazione.

il sistema delle imprese cooperative pensato da Proudhon

I lavoratori si organizzano in cooperative e tornano a essere i proprietari del prodotto, che possono scambiare direttamente con gli altri in un mercato basato sul mutualismo.

Il sistema mutualistico viene controllato dallo Stato ma i contratti di scambio sono liberi, nascono dalle esigenze e dai bisogni degli individui.

La critica di Karl Marx. Karl Marx critica duramente la teoria di Proudhon. Secondo Marx, Proudhon difende gli interessi della piccola borghesia di artigiani e contadini, non quelli della della classe operaia.

Le opere di Proudhon

  1. Che cos'è la proprietà ovvero ricerche sul principio del diritto e del governo ( 1840 ).

    In questa opera descrive la proprietà privata come un furto. Propone una redistribuzione della proprietà dei mezzi produttivi anche ai lavoratori.

  2. Contraddizioni economiche o filosofia della miseria ( 1846 )

    In quest'opera l'autore tenta di unire il mercato concorrenziale e il socialismo. Critica i modelli socialisti costruiti sulla proprietà collettiva dello Stato e sul comunismo.

  3. Le confessioni di un rivoluzionario ( 1849 )

https://www.okpedia.it/pierre-joseph-proudhon


Segnala un errore o invia un suggerimento per migliorare la pagina


Il socialismo

  1. Il pensiero economico socialista
  2. Le origini
  3. La scuola marxista
  4. Karl Marx