OKPEDIA PRESTITI

Usura

L'usura è una pratica creditizia illecita consistente nell'erogazione di prestiti a tassi di interesse molto elevati. Gli interessi usurari sono tali da rendere la restituzione del prestito difficoltosa costringendo il debitore ad accettare condizioni capestro da parte del creditore (cd cappio dell'usuraio). Il creditore che applica tassi di interesse usurari è detto usuraio (o strozzino). Gli interessi elevati aumentano la quota interessi del prestito in tempi brevi trasformando un piccolo prestito in una enorme importo da restituire. Il debitore (azienda o privato) che cade vittima del ricatto usurario e non riesce a restituirlo è spesso costretto a cedere il proprio patrimonio all'usuraio. Gli usurai rivolgono la propria offerta prevalentemente a persone e aziende in difficoltà economica alle quali è precluso l'accesso al credito bancario per motivi di insolvenza o di scarse garanzie. I creditori che applicano tassi di interesse superiori commettono un reato penale e possono essere denunciati dai debitori presso le autorità di polizia. L'usura ha origini antiche nella storia. A partire dal medioevo la parola usura ha iniziato ad essere utilizzata per indicare il profitto che si ricava al di sopra del limite abituale. Il limite tra il "giusto interesse" e il tasso usurario è stato sempre determinato dalla società e dalla consuetudine. In epoca contemporanea l'usura è soprattutto una delle principali attività della criminalità organizzata che la praticano come canale di riciclaggio del denaro proveniente da altre attività illegali (es. droga, mercato nero, rapine). Nel diritto contemporaneo l'usura è un reato. La soglia di usura viene periodicamente rivista dal Legislatore o dal governo sulla base della congiuntura e della situazione economica. In Italia il tasso di interesso massimo oltre il quale un prestito è definito usurario è stabilito dall'Ufficio Italiano Cambi (UIC).

https://www.okpedia.it/usura


Segnala un errore o invia un suggerimento per migliorare la pagina