BIOGRAFIA SIDDHARTHA BUDDA - Okpedia.it
   Home Page |

BIOGRAFIA SIDDHARTHA BUDDA

Il principe Siddhārtha Gautama (Buddha) è considerato una delle figure spirituali e religiose più importanti dell'umanità ed è il fondatore del Buddhismo. Siddhārtha nasce in Nepal intorno al 565 a.C. da ricca e nobile famiglia (gli Śakya). La data e l'anno preciso di nascita non sono storicamente documentati con precisione. Il padre di Siddartha, il raja Suddhodana, regna su uno dei numerosi stati in cui è divisa l'India del nord. Come primogenito del raja prende moglie a sedici anni ed inizia a compiere tutti gli atti di governo come legittimo successore al trono. Vive nel lusso e nello sfarzo nel palazzo reale, una gabbia dorata in cui resta, fino al 22° anno d'età. Un giorno, uscendo dal palazzo reale, si imbatte nella dura realtà della vita. Nel corso della sua passeggiata incontra un vecchio, un malato e un morto. Comprende immediatamente che la ricchezza non è altro che un valore effimero mentre l'umanità è accomunata dalla sofferenza della morte, del dolore e delle malattie. Dopo aver trascorso una infania e una gioventù agiata, Siddhartha inizia a praticare la contemplazione per ricercare l'illuminazione e l'origine della sofferenza. Forte delle sue contemplazioni decide di abbandonare la famiglia e la sua prigione dorata per dedicarsi a una vita ascetica. Secondo la tradizione Siddartha intraprende il suo cammino spiriturale a 29 anni (536 a.C.). Dopo aver provato la via ascetica per molti anni, decide di abbandonarla reputandola inutile. Secondo Siddharta la vita ascetica annebbia la mente e mortifica il corpo, ed è pertanto inadatta per raggiungere il massimo livello della contemplazione.

Illuminazione di Siddharta Buddha

Inizia così a concentrare il proprio impegno nelle meditazioni. Durante una di queste ultime, a 35 anni, la sua mente riceve il dono dell'illuminazione e raggiunge il Nirvana. Da questo momento in poi il suo nome è conosciuto come Buddha, uomo illuminato e maestro spirituale. La contemplazione consente a Buddha di indagare i vari aspetti del Dharma (dottrina sulla natura) e comprendere le quattre verità sul dolore, sull'origine del dolore, sulla soppressione del dolore e sulla via che porta alla soprresione del dolore. Raggiunta la massima consapevolezza si reca a Beneraes dove tiene il suo primo discorso sulla dottrina buddista per divulgare la propria dottrina spirituale. In breve tempo il buddismo si diffonde nei territori indiani e lungo la Valle del Gange. La sua predicazione segna un punto di rottura con la dottrina del brahmanesimo (che diverrà induismo) e dell'ortodossia religiosa indiana dell'epoca. Il suo insegnamento non riconosce alla casta brahmanica l'ufficio della religione e l'esclusiva conoscenza della verità, aprendo la via del Nirvana a tutte le creature che vi aspirino praticando il dharma. Secondo il buddismo un Buddha è un essere che ha raggiunto il massimo grado di illuminazione (Bodhi) ed è quindi pronto per lasciare il Samsara ed entrare nel Nirvana. La stessa parola Buddha deriva dal sanscrito bud che significa "prendere coscienza", svegliarsi ecc.

La morte di Buddha

Buddha morì a ottant'anni, intorno al 486 a.C., lasciando ai discepoli il proprio testamento spiriturale. Il buddismo continua a diffondersi per tradizione orale anche dopo la sua morte. Nel corso del tempo la dottrina buddista trova una trasposizione scritta in sanscrito nei libri del tripitaka.








 

Religione

Ultimo aggiornamento

Canali


dizionario | didattica | cosa okpedia | Ultimi aggiornamenti |
Okpedia® - contenuti pubblicati con finalità didattica - condizioni di utilizzo - Per contattarci email: info@okpedia.it | Google+
contenuti testuali sotto licenza Creative Commons - Foto Fotolia - Istockphoto - Shutterstock - Tutti i diritti riservati - P.IVA - 09286581005 - Norme Privacy Google - Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla email sopra indicata - Tutti i loghi e i marchi citati nel sito sono dei rispettivi proprietari