Aborto provocato - Okpedia.it
   Home Page | Gravidanza | MaternitÓ

Aborto provocato

L'aborto provocato o interruzione volontaria di gravidanza è l'eliminazione dell'embrione o del feto dall'utero della gestante. L'aborto provocato può essere fatto in sede chirurgica o per via chimica. È una pratica comune in tutto il mondo e dipende dalla decisione della donna nei primi mesi di gravidanza. Le ragioni per ricorrere ad un aborto provocato possono essere diverse: problemi di malformazione fetale, salute in pericolo della madre, problemi legati alla droga o ad altre malattie trasmissibili al feto, nei casi in cui una donna abbia subito violenza, ma anche per ragioni legate a condizioni economiche e familiari. L'aborto provocato ( aborto volontario ) è regolamentato dalla legge.

Aborto in Italia. In Italia l'aborto è disciplinato dalla legge 194 del 1978. La legge 194 consente l'aborto volontario nei primi 90 giorni di gravidanza per motivi sociali e/o psicologici. La decisione ultima di effettuare l'aborto volontario spetta alla donna. Oltre i 90 giorni l'aborto è consentito soltanto in caso di gravi rischi per la salute della madre o del feto.

Aspetti morali dell'aborto. L'aborto provocato è oggetto di frequenti discussioni sul piano morale e religioso con posizioni nettamente divise tra favorevoli e contrari. I medici che si oppongono alla pratica dell'aborto provocato sono detti obiettori di coscienza.





  • Statistiche degli aborti in Italia. Il fenomeno dell'aborto provocato mostra un trend decrescente nel corso del tempo. Sulla base dei dati del Ministero della Salute e dell'Istituto Superiore di Sanità, il numero degli aborti provocati in Italia è sceso nel periodo 1982-2007 da 234 mila aborti l'anno a 127 mila aborti l'anno.





 

Aborto

Ultimo aggiornamento

    Canali


    dizionario | didattica | cosa Ŕ okpedia | Ultimi aggiornamenti |
    Okpedia® - contenuti pubblicati con finalità didattica - condizioni di utilizzo - Per contattarci email: info@okpedia.it | Google+
    contenuti testuali sotto licenza Creative Commons - Foto Fotolia - Istockphoto - Shutterstock - Tutti i diritti riservati - P.IVA - 09286581005 - Norme Privacy Google - Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla email sopra indicata - Tutti i loghi e i marchi citati nel sito sono dei rispettivi proprietari