Karl Knies

Karl KniesKarl Knies è un economista tedesco. Nasce a Marburg nel 1821. È uno dei fondatori della scuola storica tedesca, insieme a Roscher e Hildebrand. Nel corso della sua vita si occupa anche di statistica, trasporti, moneta e finanza. Muore a Heidelberg nel 1898.

Il pensiero politico ed economico di Knies

Knies è a favore del nazionalismo e di una politica economica a difesa degli interessi del paese. È una visione che accomuna tutti gli esponenti della scuola storica tedesca.

Secondo Knies, non esistono leggi generali in grado di spiegare i fenomeni socioeconomici, questi ultimi possono essere studiati soltanto attraverso il metodo storico.

Nota. Knies non esclude che possano esistere regolarità nei fenomeni economici, tali da formalizzare delle leggi, ma queste ultime sono strettamente legate al contesto storico e al paese in cui si verificano.

La critica alla scuola classica

Knies è un economista liberale ma critico nei confronti della teoria economica classica.

Come altri esponenti della scuola storica tedesca, anche Knies si oppone alla teoria economica classica e all'idea che i fenomeni economici siano basati sull'egoismo individuale.

Al paradigma individualistico della scuola classica, Knies contrappone quello della nazione come entità superiore agli interessi delle singole persone.

Le opere di Knies

  1. La statistica come scienza autonoma ( 1850 )
  2. L'economia politica dal punto di vista del metodo storico ( 1853 )
  3. Moneta e credito ( 1873 )

https://www.okpedia.it/karl-knies


Segnala un errore o invia un suggerimento per migliorare la pagina


  1. La scuola storica tedesca