Chiesa Ortodossa

La Chiesa Ortodossa è una delle tre maggiori confessioni del Cristianesimo con circa 214 milioni di fedeli tra Oriente e Occidente. Le Chiese Ortodosse delle varie nazioni si governano autonomamente pur riconoscendo una superiorità religiosa al Patriarca di Costantinopoli. Ortodossia, significa letteralmente "corretta dottrina", cioè la professione della vera fede cristiana sul piano concettuale (dottrina) e nella liturgia. La Chiesa Ortodossa esprime l'adesione piena al linguaggio evangelico di Gesù Cristo, trasmesso agli apostoli senza ulteriori mutazioni o interpretazioni. La Chiesa Ortodossa nasce intorno alla fine del II secolo d.C. e si allontana immediatamente dal paradigma giudaico-cristiano della Chiesa di Roma, cui si contrappone. Per molti secoli i due paradigmi convivono nelle due capitali dell'impero Romano, quella giudaico-cristiana a Roma, quella ortodossa a Costantinopoli. Soltanto nel 1054 si realizza la netta separazione delle due chiese con lo "Scisma d'Oriente". Le due chiese non si considerano reciprocamente eretiche, aspetto invece negato all'altra grande professione cristiana protestante. I cristiani ortodossi credono in un solo Dio in tre persone: Padre, Figlio e Spirito Santo. La Chiesa Ortodossa si distingue dalla Chiesa Protestante, quest'ultima generalmente fa affidamento alla Bibbia nel campo della dottrina mentre quella Ortodessa fa ricorso alla Tradizione. L'Ortodossia considera la verità come rintracciabile nel "Consenso dei Padri", un percepito filo conduttore di accordo che unisce gli scritti patristici della prima Chiesa e degli apostoli.

https://www.okpedia.it/chiesa-ortodossa