OkPedia  | Home | Casa | Indice pdfStampa | pdfPDF |

Voltura gas

La voltura del gas è una pratica con cui un utente subentra in un contratto di fornitura del gas intestato ad altra persona. È una procedura abituale quando un utente acquista un immobile già dotato di contatore di fornitura del gas e di contratto di servizio con una società erogatrice. La voltura può essere chiesta anche dallo stesso utente quando desidera modificare la tipologia del servizio, ad esempio quando si deve passare da una fornitura per uso domestico (cottura e produzione acqua calda sanitaria) a una fornitura per uso promiscuo (cottura, produzione acqua sanitaria e riscaldamento).

Richiesta di voltura del gas

Le procedure di richiesta voltura del gas variano da società a società (Enel, Eni, ecc.). In generale la voltura richiede la compilazione di un modulo da consegnare o spedire agli uffici della società erogatrice del gas. Nel modulo è necessario indicare i propri dati anagrafici, il numero di matricola del contatore del gas, la numerazione del contatore, i propri dati di fatturazione e di pagamento (bollettino postale, accredito sul conto corrente bancario, ecc.), il codice fiscale o la partita iva, il domicilio a cui inviare le comunicazioni, la bolletta e la fattura, una copia del documento di identità. Alcune società consentono di avviare la richiesta della voltura online tramite internet o tramite call center. In questi casi la procedura è più semplice in quanto si evita all'utente l'onere di doversi recare agli uffici amministrativi della società erogatrice. Una volta richiesta la voltura online (o tramite call center) è la società erogatrice ad inviare all'indirizzo del nuovo utente i documenti pre-compilati. L'utente dovrà sottoscriverli, allegare i vari documenti e rispedire il tutto tramite posta alla società erogatrice del servizio gas.

Nuovo contratto di erogazione

Una volta recepita la voltura la società erogatrice annulla il vecchio contratto e ne crea automaticamente uno a nome del nuovo intestatario subentrante con le stesse caratteristiche del precedente e, il più delle volte, senza interruzioni di servizio. All'utente subentrante viene assegnato un numero cliente identificativo. Resta, invece, immutato il numero dell'impianto e del contatore. Le spese di subentro sono addebitate sulla prima bolletta utile.

condividi



 
 
commenti