Partita iva agevolata

La partita iva agevolata è un particolare regime fiscale a cui è applicata una procedura semplificata nell'assolvimento degli obblighi fiscali e/o l'esonero parziale o totale delle imposte a carico del contribuente. Questo regime fiscale può essere riconosciuto dallo Stato in particolari condizioni, ad esempio all'apertura di una nuova attività economica in una zona depressa, come intervento a sostegno dello sviluppo economico e dell'occupazione. Le condizioni per accedere al regime fiscale agevolato sono dettate dal legislatore e dall'Agenzia delle Entrate. I benefici fiscali possono essere sottoposti ad ulteriori vincoli di natura economica e non. Ad esempio, il regime fiscale può essere goduto soltanto per un determinato numero di anni e a condizione che il contribuente non superi una determinata soglia massima di reddito. In Italia, nel 2010, il regime è riconosciuto a chi apre una nuova partita iva come ditta individuale o come lavoratore autonomo ( okpedia ).

La partita iva agevolata è una partita iva che beneficia di un particolare regime fiscale agevolato sotto forma di esonero parziale o totale dalle imposte o di semplificazione nell'assolvimento delle procedure fiscali e degli obblighi di legge. Il regime fiscale agevolato è generalmente riconosciuto dallo Stato ai soggetti che avviano una nuova partita Iva nei primi anni dell'attività economica sia come lavoratori autonomi e sia come imprese.

Requisiti della partita iva agevolata. I requisiti per aprire una partita iva agevola o per accedere al regime fiscale agevolato sono indicati dall'Agenzia delle Entrate alla quale deve essere presentato l'apposito modulo di domanda al momento della presentazione della dichiarazione di inizio attività. Il regime agevolato è generalmente riconosciuto alle persone fisiche che avviano un'attività imprenditoriale come ditta individuale o un'attività di lavoro autonomo. Il godimento del regime agevolato è sottoposto ad una durata temporale (minimo un anno fiscale). Può inoltre essere sottoposto ad altri vincoli di natura economica come, ad esempio, una capacità reddituale compresa entro un determinato tetto massimo. L'eventuale superamento del limite massimo di reddito comporta l'uscita dal regime agevolato e l'applicazione del regime fiscale ordinario.

Chi può richiederla. La partita iva agevolata è normalmente riconosciuta per l'avvio di nuove attività economiche. Può essere richiesto al richiedente di non aver esercitato altre attività d'impresa. In alcuni casi il legislatore può estendere il diritto al regime agevolato anche alle attività economiche pre-esistenti come, ad esempio, in caso di disastri naturali o come forma di intervento a sostegno dell'occupazione o dello sviluppo economico di aree depresse. Essendo la normativa fiscale in continuo mutamento è consigliabile recarsi presso gli uffici dell'Agenzia delle Entrate per conoscere i requisiti di accesso al regime fiscale agevolato. Le informazioni possono essere ottenute anche dal libero professionista ( commercialista ) a cui si demanda il compito di aprire la partita iva e di svolgere tutte le iscrizioni obbligatorie di inizio attività. Al termine della durata prevista per la partita fiscale agevolata il contribuente entra in regime fiscale ordinario.

condividi
 
 
commenti