Lettera di richiamo ammonimento scritto

La lettera di richiamo (o ammonimento scritto) è un provvedimento disciplinare a disposizione del datore di lavoro per contestare comportamenti irregolari del lavoratore e per imporre il rispetto degli accordi contrattuali. La lettera di richiamo è solitamente uno dei provvedimenti disciplinari più utilizzati, vi si ricorre per richiamare l'attenzione del lavoratore su comportamenti scorretti ma non gravi. Ad esempio, ritardo sull'orario di lavoro, l'uso personale del telefono o del computer, la presentazione tardiva di certificati medici, ecc.

Ammonimento scritto

L'ammonimento deve assolutamente essere in forma scritta. Il datore di lavoro ha l'obbligo di consegnare la lettera di richiamo al lavoratore richiamato. Nella lettera di richiamo il datore di lavoro deve specificare:

  • Il comportamento contestato al lavoratore
  • La richiesta di cambiamento da parte del lavoratore
  • Le eventuali conseguenze giuridiche

La lettera di richiamo deve essere firmata. Il lavoratore deve rispondere in forma scritta alla contestazione del datore di lavoro entro 5 giorni lavorativi dalla ricezione per motivare il suo comportamento.

Provvedimenti disciplinari

La natura del provvedimento si ravvisa anche nella sua stessa denominazione di "ammonimento". E' solitamente una forma di richiamo per violazioni non gravi a cui può o meno seguire l'applicazione di una sanzione disciplinare o altra decisione disciplinare da parte del datore di lavoro. L'ammonimento scritto è uno dei primi passi, e anche il meno costoso, per cercare di dirimere le controversie tra il datore di lavoro e un lavoratore. Consente al datore di lavoro di contestare un comportamento illegittimo del lavoratore dando allo stesso la possibilità di correggere il comportamento contestato.


 
 
commenti