OKPEDIA IMMAGINE SOCIOLOGICA

Immaginazione sociologica

L’immaginazione sociologica, secondo Wright Mills, è la capacità di riflettere su se stessi come soggetti liberi e non vincolati da tutte quelle influenze sociali che, in realtà, condizionano inconsapevolmente ogni gesto della vita quotidiana di tutti. L'immaginazione sociologica è un atteggiamento mentale che permette allo studioso di vedere oltre il proprio ambiente e la propria personalità, al fine di meglio comprendere le strutture sociali e le relazioni. Ad esempio, l'atto di offrire un caffè può sembrare naturale agli occhi di un sociologo italiano. In realtà tale comportamento gli sembra naturale solo perché è "familiare". In altre società l'offerta del caffè non è riconosciuto come atto di ospitalità o di amicizia, in taluni casi potrebbe persino essere vietato o offensivo. Per comprendere una società osservata il sociologo deve, pertanto, sgombrare la mente da tutti quei comportamenti e quelle convinzioni familiari alla propria cultura. Il concetto viene espresso da Charles Wright Mills, sociologo statunitense e professore di sociologia, nell'opera "The Sociological Imagination" del 1959.