Funzione del consumo

La funzione del consumo è la componente della domanda aggregata ( macroeconomia ) che consente di misurare la spesa per i consumi da parte delle famiglie. È una delle principali componenti del modello reddito-spesa. Nella teoria keynesiana la funzione di consumo è la seguente:

C = C0 + cY

La costante C0 misura il consumo indipendente dal reddito, ossia la quantità di consumi che non varia al variare del reddito ( es. sussistenza, beni di prima necessità, ecc. ). La costante C0 della funzione di consumo è detta consumo autonomo. La variabile c ( minuscola ) è, invece, la propensione marginale al consumo. La propensione marginale al consumo è una variabile compresa tra 0 e 1, misura la variazione della quantità di consumo al variare del reddito ( Y ). La funzione del consumo può essere rappresentata sul diagramma cartesiano, ponendo il reddito ( Y ) sull'asse delle ascisse e la funzione di consumo C sull'asse delle ordinate.

FUNZIONE DEL CONSUMO

Il consumo autonomo ( C0 ) rappresenta l'intercetta sull'asse delle ordinate C. Essendo indipendente dal reddito, il consumo autonomo è C0 anche quando il reddito è nullo. La propensione marginale al consumo ( c ) determina l'inclinazione della retta della funzione di consumo. Al variare del reddito la spesa per l'acquisto dei beni di consumo varia, nella stessa direzione, in proporzione alla propensione marginale al consumo ( c ). La parte non consumata ( 1 - c ) individua, infine, la variazione del risparmio.

Esempio. Data una propensione marginale al consumo pari a c=0,7 e un aumento del reddito ΔY=10, l'incremento del reddito si traduce in un aumento dei consumi ΔC=7 e in un aumento del risparmio pari a ΔS=3.

Modello reddito spesa con settore pubblico. La presenza della pubblica amministrazione ( Stato ) nell'economia apporta notevoli modifiche alla funzione di consumo. In primo luogo, occorre considerare nella domanda aggregata anche la spesa pubblica ( G ) dello Stato per acquistare beni e servizi. In secondo luogo, lo Stato interviene sull'economia prelevando una parte del reddito nazionale ( Y ) tramite le imposte dirette ( T ) e redistribuendo la ricchezza tra i soggetti economici tramite lo strumento dei trasferimenti diretti ( TR ). Da ciò consegue che, in tale caso, il reddito nazionale ( Y ) non è più uguale al reddito disponibile delle famiglie ( Yd ).

Yd = Y - T + TR

Poiché la funzione del consumo si basa sul reddito disponibile, è necessario rivedere il modello reddito-spesa specificando nella funzione l'uso del reddito disponibile ( Yd ) anziché del reddito nazionale ( Y ) e introdurre nella funzione del consumo l'effetto del prelievo fiscale ( T ) e dei trasferimenti ( TR ). Per ulteriori approfondimenti su passaggi algebrici necessari per introdurre il settore pubblico nella funzione del consumo, si rimanda alla lettura della pagina "modello reddito spesa con settore pubblico".




Modello reddito-spesa