Cottimo - Okpedia.it
   Home Page | Portale lavoro | Indice | Lavoro |

Cottimo

COTTIMO

Il cottimo è una forma di retribuzione in cui il lavoratore subordinato è ricompensato unicamente in base al risultato del proprio lavoro e non in base delle ore di lavoro prestate. Il cottimo è previsto e disciplinato dall'art. 2099 del codice civile. La retribuzione nel contratto di cottimo è determinata dall'unità di cottimo. A differenza del rapporto di lavoro a tempo, nel cottimo il datore di lavoro stabilisce con precisione e discrezionalità la modalità, la qualità e i tempi di esecuzione del lavoro. Il lavoratore si addossa il rischio connesso al raggiungimento del risultato del lavoro, in quanto la retribuzione del lavoro è legata in modo diretto ed esclusivo alla quantità del lavoro prestato.

Limitazioni del cottimo

Il Legislatore ha fissato dei limiti al cottimo per particolari fattispecie di lavoro. Il cottimo è utilizzato in particolar modo per alcuni lavoro a domicilio. È invece vietato in gran parte degli altri casi, come ad esempio nell'apprendistato (art.2131 codice civile). In alcuni casi è lo stesso Legislatore ad imporre il cottimo.

Art. 2100 Obbligatorietà del cottimo
Il prestatore di lavoro deve essere retribuito secondo il sistema del cottimo quando, in conseguenza dell'organizzazione del lavoro, è vincolato all'osservanza di un determinato ritmo produttivo, o quando la valutazione della sua prestazione è fatta in base al risultato delle misurazioni dei tempi di lavorazione.

Le organizzazioni sindacali sono spesso avverse al cottimo in quanto il rapporto di lavoro non tutela il lavoratore con una base retributiva fissa. Nei contratti collettivi in cui è ammesso il ricorso al cottimo si affianca a quest'ultimo un minimo di retribuzione stabile e non legato al risultato.

Tariffe di cottimo

Tra le limitazioni del cottimo il Legislatore ha stabilito particolari obblighi per il datore di lavoro, il quale deve applicare le tariffe di cottimo dopo un periodo di esperimento e modificarle seguendo le procedure stabilite dai contratti collettivi del lavoro.

Art. 2101 c.c. Tariffe di cottimo
(Le norme corporative possono stabilire che le tariffe di cottimo non divengano definitive se non dopo un periodo di esperimento).
Le tariffe possono essere sostituite o modificate soltanto se intervengono mutamenti nelle condizioni di esecuzione del lavoro, e in ragione degli stessi. (In questo caso la sostituzione o la variazione della tariffa non diviene definitiva se non dopo il periodo di esperimento stabilito dalle norme corporative).
L'imprenditore deve comunicare preventivamente ai prestatori di lavoro i dati riguardanti gli elementi costitutivi della tariffa di cottimo, le lavorazioni da eseguirsi e il relativo compenso unitario. Deve altresì comunicare i dati relativi alla quantità di lavoro eseguita e al tempo impiegato.








 

Lavoro atipico

Tipi di lavori atipici

Altre pagine




Ultimo aggiornamento

Canali


dizionario | didattica | cosa okpedia | Ultimi aggiornamenti |
Okpedia® - contenuti pubblicati con finalità didattica - condizioni di utilizzo - Per contattarci email: info@okpedia.it | Google+
contenuti testuali sotto licenza Creative Commons - Foto Fotolia - Istockphoto - Shutterstock - Tutti i diritti riservati - P.IVA - 09286581005 - Norme Privacy Google - Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla email sopra indicata - Tutti i loghi e i marchi citati nel sito sono dei rispettivi proprietari