OkPedia  | Home Page | Stampa | PDF |

CiviltÓ minoica

La civiltà minoica (o civiltà cretese) si sviluppa nel II millennio a.C. nell'isola di Creta, abitata fin dal Neolitico da popolazioni d'origine non indoeuropea. L'isola gode di una posizione centrale nei traffici marittimi commerciali del Mediterraneo orientale. A lungo le navi minoiche, costruite in legno di cipresso, solcano quasi incontrastate i mari del mondo antico. Grazie alla protezione naturale del mare, l'isola di Creta sviluppa una civiltà superiore sotto molti punti di vista rispetto alle altre civiltà contemporanee dell'epoca. Allo scambio commerciale, molto intenso con l'Egitto, segue un arricchimento artistico e culturale di grande valore. Tra le costruzioni più importanti i famosi palazzi a Cnosso, Hanghia, Festo e Triada. Oltre ai traffici commerciali l'economia dell'isola si basa sull'agricoltura, sulla metallurgia e sull'artigianato della ceramica. I manufatti sono esportati principalmente in Egitto. I cretesi introducono la coltivazione della vite, dell'olivo e del fico.

La golden age minoica

Il potere economico derivante dai traffici commerciali consente alla civiltà cretese di controllare l'intero Mar Egeo (detto "talassocrazia"). Nel 1750 a.C. un terribile terremoto rade al suolo i grandi palazzi di Cnosso, che puntalmente sono ricostruiti dai minoici di dimensioni ancora più grandi dei precedenti. Dal 1600 al 1400 a.C. la civiltà minoica entra nella sua fase di massimo potere (golden age) a seguito dell'unificazione del regno dell'isola sotto il controllo del re Minosse di Cnosso.

Decadenza della civiltà minoica

La grande ricchezza dell'isola di Creta e la diffusione della navigazione d'altura tra i popoli ellenici, sono i principali fattori di decadenza della civiltà minoica. Sempre più al centro delle scorribande dei pirati, l'isola di Creta viene conquistata e depredata dagli achei (micenei) nel 1400 a.C., cui seguirono nel 1100-1200 a.C. le invasioni dei dori. Il duro colpo inferto dalle invasioni ed alcuni cataclismi naturali causano la definitiva scomparsa della civiltà minoica. Molti costumi e conoscenze minoiche sopravvivono nella nascente civiltà ellenico-micenea. Come spesso accade nella storia, i conquistatori (micenei) sono a loro volta conquistati dalla cultura superiore del popolo assoggettato (minoici). L'antica ricchezza dell'isola di Creta entra a far parte della mitologia greca ed influenza fortemente la religione ellenica e le fondamenta della civiltà micenea.










 

Creta

Pagine correlate

Home | Bibliografia |
Okpedia ® - condizioni di utilizzo | info@okpedia.it | Google+ - Creative Commons - Norme Privacy Google - P.Iva 09286581005