Caduta satellite in Italia

Rischio caduta frammenti di satellite in Italia per il 23-24 settembre 2011. I frammenti di un satellite artificiale potrebbero cadere sul territorio italiano nelle ore tra venerdì 23 e sabato 24 settembre 2011. Il rischio di incidenti per l'uomo è attualmente stimato pari a 1 su 3200. La caduta dei satelliti artificiali è generalmente programmata in mare aperto o in zone desertiche, ma questa volta, precisa la NASA, alcuni frammenti potrebbero cadere in una zona terrestre compresa tra le regioni del Centro e del Nord Italia. Al momento non è ancora possibile localizzare con precisione la zona, il range di caduta è di circa 800 chilometri. Il satellite in questione è il modello UARS (Upper Atmosphere Research Satellite), in orbita dal 1991, destinato alle rilevazioni. Giunto al termine della sua missione il centro di controllo Goddard ha progressivamente avviato il processo di decadimento della sua orbita che si completerà con la caduta nell'atmosfera terrestre entro le prime ore di sabato 24 settembre. Il satellite pesa circa 6,5 tonnellate. Gran parte del suo corpo si disintegrerà in alta atmosferica. Potrebbero però giungere sul suolo italiano circa 532 chilogrammi di frammenti. La Protezione civile ha organizzato un Comitato operativo per diramare dei bollettini di aggiornamento ogni due ore fino alle 5 di sabato mattina. La popolazione nelle zone a rischio non sarà evacuata, saranno divulgati dei suggerimenti di autoprotezione per ridurre al minimo il rischio come, ad esempio, quello di evitare i luoghi aperti ed evitare i piani alti degli edifici. 22 / 09 / 2011

condividi su Facebook

 
 
commenti