Brunetto Latini

L'esponente principale della prosa del Duecento è il fiorentino Brunetto Latini (1220 - 1294 circa), notaio e letterato. Fu esiliato in Francia per alcuni anni, ed al suo rientro in patria scrisse il Tesoro, in lingua d'oil. L'opera è un'enciclopedia in 3 volumi che tratta degli argomenti più disparati, dalla storia alla geografia, dalla fisica all'agricoltura, teologia, retorica, politica, economia ed etica. Suo è anche il poema dal titolo Tesoretto, incompiuto, e scritto sul modello del Roman de la Rose.

condividi su Facebook




 
 
commenti